La guida ai vitigni di Quattrocalici

Greco Nero

Il vitigno Greco Nero e i suoi vini

greco nero vitigno

Il Greco Nero è un vitigno autoctono Calabrese a bacca nera appartenete alla grande famiglia dei vitigni Greci, che comprende soprattutto vitigni a bacca bianca coltivati e utilizzati in tutta l’Italia centro-meridionale. Sull’origine del Greco nero sono state avanzate varie ipotesi, anche se, facendo parte della suddetta famiglia, esso proviene probabilmente dalla dominazione ellenica del VII secolo a. C., quando i coloni greci sbarcarono in Italia meridionale per fondare nuove città e diedero vita alla civiltà della Magna Grecia. Il Greco Nero è un vitigno che fa parte integrante della tradizione calabra, coltivato da sempre in questa regione, in particolare nelle provincie di Catanzaro e Crotone. Nell’area della Bivongi DOC il suo nome dialettale è Magliaccione, oppure Greco Niuru in aree confinanti a quelle del Bivongi.

In passato il Greco nero è stato confuso con altri vitigni come ad esempio la Marcigliana o Marsigliana, presente nella zona di Catanzaro. È stato accostato anche al Verdicchio Nero e all’Aleatico. Il Greco nero della Calabria viene anche spesso confuso altri Greci Neri presenti nelle Marche, a Teramo, ad Avellino, in Toscana, quello a Velletri e a Terni. Il Greco nero dal punto di vista ampelografico si presenta con foglia media e grappoli medio-grandi, conici e corti, talvolta, anche se di rado alati. La loro densità è medio-compatta. Gli acini invece sono piccoli o medi, ovali e con molta pruina, le bucce sono sottili e il loro colore è nero con sfumature bluastre. Il Greco nero predilige terreni caldi e poco fertili. Si alleva con sistemi a bassa espansione, ad esempio l’alberello, utilizzando potature molto corte. Il Greco nero ha alta resistenza alle crittogamiche e alle avversità climatiche. La sua resa e produttività sono medio-elevate. Il Greco nero viene coltivato anche in Basilicata e Campania dove rientra negli uvaggi di alcune IGT. Dal vitigno Greco nero si ottiene un vino rosso rubino scarico, dall’odore vinoso e armonico. Utilizzato generalmente in uvaggi, le sue vinificazioni in purezza non sono molto comuni.

greco nero vitigno

Il Greco Nero è un vitigno autoctono Calabrese a bacca nera appartenete alla grande famiglia dei vitigni Greci, che comprende soprattutto vitigni a bacca bianca coltivati e utilizzati in tutta l’Italia centro-meridionale. Sull’origine del Greco nero sono state avanzate varie ipotesi, anche se, facendo parte della suddetta famiglia, esso proviene probabilmente dalla dominazione ellenica del VII secolo a. C., quando i coloni greci sbarcarono in Italia meridionale per fondare nuove città e diedero vita alla civiltà della Magna Grecia. Il Greco Nero è un vitigno che fa parte integrante della tradizione calabra, coltivato da sempre in questa regione, in particolare nelle provincie di Catanzaro e Crotone. Nell’area della Bivongi DOC il suo nome dialettale è Magliaccione, oppure Greco Niuru in aree confinanti a quelle del Bivongi.

In passato il Greco nero è stato confuso con altri vitigni come ad esempio la Marcigliana o Marsigliana, presente nella zona di Catanzaro. È stato accostato anche al Verdicchio Nero e all’Aleatico. Il Greco nero della Calabria viene anche spesso confuso altri Greci Neri presenti nelle Marche, a Teramo, ad Avellino, in Toscana, quello a Velletri e a Terni. Il Greco nero dal punto di vista ampelografico si presenta con foglia media e grappoli medio-grandi, conici e corti, talvolta, anche se di rado alati. La loro densità è medio-compatta. Gli acini invece sono piccoli o medi, ovali e con molta pruina, le bucce sono sottili e il loro colore è nero con sfumature bluastre. Il Greco nero predilige terreni caldi e poco fertili. Si alleva con sistemi a bassa espansione, ad esempio l’alberello, utilizzando potature molto corte. Il Greco nero ha alta resistenza alle crittogamiche e alle avversità climatiche. La sua resa e produttività sono medio-elevate. Il Greco nero viene coltivato anche in Basilicata e Campania dove rientra negli uvaggi di alcune IGT. Dal vitigno Greco nero si ottiene un vino rosso rubino scarico, dall’odore vinoso e armonico. Utilizzato generalmente in uvaggi, le sue vinificazioni in purezza non sono molto comuni.

vitigno greco nero
Greco Nero

Informazioni generali sul vitigno

Il vitigno Greco Nero è uno dei  Vitigni autoctoni a Bacca nera presenti principalmente nelle regioni Calabria e registrato ufficialmente nel Catalogo nazionale varietà di vite dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 827 ha.
Colore baccaBacca nera
Categoria vitigniVitigni autoctoni
Regioni Italiane principaliCalabria
Superfice vitata nazionale827 ha
Famiglia vitigniGreci
SinonimiGreco
Anno di registrazione1970
Autorizzato provinceBari, Foggia, Napoli
Autorizzato regioniCalabria, Lazio, Sardegna
Osservazione regioniBasilicata
Greco Nero

Ampelografia del vitigno

Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l’aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Greco Nero sono:
Caratteristiche della foglia

Il vitigno Greco Nero ha Foglia media, Foglia cuneiforme, Foglia orbicolare, Foglia intera, Foglia trilobata.

Caratteristiche del grappolo

Il vitigno Greco Nero ha Grappolo compatto, Grappolo mediamente compatto, Grappolo medio, Grappolo conico. Ali nel grapppolo: 0 o 1 ali.

Caratteristiche dell'acino

Il vitigno Greco Nero ha acini Acini di dimensione media, Acini piccoli, di forma Acini obovoidali, con buccia Buccia pruinosa, Buccia consistente, Buccia sottile e di colore Buccia blu-nera.

Greco Nero

Caratteristiche del vino

Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Greco Nero sono:

Il vino che si ottiene dal vitigno Greco Nero è di colore Rosso rubino, . Al palato è vinoso.

Greco Nero

Caratteristiche colturali e produttive

Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l’epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Greco Nero le caratteristiche principali sono:
Greco Nero

Il vino e le Denominazioni di riferimento

Nel Database dei Vitigni di Quattrocalici sono raccolti i dati relativi a tutti i vitigni che risultano menzionati esplicitamente in almeno una denominazione di origine DOP o IGP italiana. Il vitigno Greco Nero risulta essere menzionato nel disciplinare delle seguenti denominazioni:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.