La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Ancellotta e i suoi vini

    L’Ancellotta è un vitigno a bacca nera coltivato soprattutto in Emilia Romagna, in particolare nella provincia di Reggio nell’Emilia, dove l’Ancellotta copre grandi quantità di terreni pianeggianti e alluvionali. Il vitigno Ancellotta viene spesso utilizzato come vitigno da taglio nei vini rossi frizzanti Lambrusco, per renderli più colorati ed amabili, in particolare il Lambrusco Salamino di Santa Croce DOC (provincia di Modena), dove può arrivare fino al 10% del totale e il Lambrusco Reggiano DOC (provincia di Reggio nell’Emilia), dove può rappresentare fino al 15%. Una delle sue principali applicazioni è come colorante per vini rossi scarichi in tutta Italia ed  è consentito in circa 42 vini IGT.

    ancellotta vitigno

    Infatti le bucce degli acini di Ancellotta hanno un’alta concentrazione di antociani e quindi una forte pigmentazione, cosa che lo rende ideale per la produzione di mosti concentrati conosciuti col nome di “Rossissimo“, utilizzati anche per la colorazione di prodotti alimentari diversi dal vino. L’Ancellotta viene anche coltivata in altre parti del nord Italia e nel sud della Svizzera. In Romagna, nelle province di Forlì-Cesena e Ravenna, l’Ancellotta può essere miscelata con il Sangiovese per produrre il Colli di Faenza rosso DOC. Nella provincia di Rimini è impiegato nel vino dei Colli di Rimini DOC. In misura minore, l’Ancellotta è coltivata in Piemonte (Vercellese), nel Veneto, nel Friuli-Venezia Giulia e in Toscana.

    Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
    Facebook
    Pin on Pinterest
    Pinterest
    Tweet about this on Twitter
    Twitter
    Share on LinkedIn
    Linkedin

    Informazioni generali sul vitigno Ancellotta

      Il vitigno Ancellotta è uno dei  Vitigni locali a Bacca nera della regione Emilia-Romagna, registrato ufficialmente dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 4.300 ha.
      Colore baccaBacca nera
      Categoria vitigniVitigni locali
      Superfice vitata nazionale4.300 ha
      Anno di registrazione1970
      Autorizzato provincePordenone, Venezia, Udine
      Autorizzato regioniEmilia-Romagna, Lazio, Lombardia, Marche, Sardegna, Sicilia, Toscana
      Osservazione provinceTreviso, Verona
      Osservazione regioniPiemonte

      Ancellotta - Ampelografia del vitigno

      Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l'aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Ancellotta sono:

      Caratteristiche della foglia

      Il vitigno Ancellotta ha Foglia media, Pentagonale, Pentalobata.

      Caratteristiche del grappolo

      Il vitigno Ancellotta ha Grappolo mediamente compatto, Spargolo, Grappolo medio, Grappolo piramidale. Ali nel grapppolo: 1-2 ali.

      Caratteristiche dell'acino

      Il vitigno Ancellotta ha acini grandi, di forma Sferoidale, con buccia Buccia pruinosa, Buccia consistente, spessa e di colore blu-nera.

      Ancellotta - Caratteristiche del vino

      Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Ancellotta sono:
      Il vino che si ottiene dal vitigno Ancellotta è di colore Rosso rubino, intenso. Al palato è morbido, poco tannico.

      Ancellotta - Caratteristiche colturali e produttive

      Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l'epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Ancellotta le caratteristiche principali sono:

      Ancellotta - Il Vino e le Denominazioni di riferimento

      Nel Database dei Vitigni di Quattrocalici sono raccolti i dati relativi a tutti i vitigni che risultano menzionati esplicitamente in almeno una denominazione di origine DOP o IGP italiana. Il vitigno Ancellotta risulta essere menzionato nel disciplinare delle seguenti denominazioni:

      Argomenti correlati


      • Registrati su Quattrocalici

      • Il Blog di Quattrocalici

        Quaderno di degustazione - My Wines

        Come compilare la scheda di degustazione per un vino

        La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
      • My Wines – Quaderno per le Degustazioni

        My Wines - Quaderno di Degustazione