La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Indice dei contenuti per il vitigno Coda di Volpe

Il vitigno Coda di Volpe

    Il vitigno Coda di Volpe è un’antica varietà campana a bacca bianca, della quale esistono precisi riferimenti storici fin dall’epoca dell’antica Roma. Già Plinio il Vecchio aveva fatto menzione nel suo “Naturalis Historia” ad un vitigno “Cauda Vulpium” adatto all’allevamento a pergola. Il suo nome deriva dalla forma caratteristica del grappolo che ricorda appunto la coda della volpe. E’ coltivato a Napoli ai piedi del Vesuvio, e nel Beneventano, sia nella zona del Sannio che del Taburno. Fino a qualche anno fa era considerato un vitigno minore e veniva utilizzato più che altro in uvaggio con altre varietà della zona. Vinificato in purezza e grazie all’impegno dei viticoltori Campani ha dimostrato invece di poter raggiungere livelli davvero interessanti.

    Coda di Volpe

    Informazioni generali sul vitigno Coda di Volpe

      Colore baccaBacca bianca
      Categoria vitigniVitigni autoctoni
      Anno di registrazione1970
      Autorizzato provinceFoggia
      Raccomandato regioniCampania

      Ampelografia

      Caratteristiche della foglia

      grande, Pentalobata.

      Caratteristiche del grappolo

      Spargolo, Grappolo compatto, Grappolo lungo, Grappolo piramidale. Ali nel grapppolo: 1 ala.

      Caratteristiche dell'acino

      piccoli, di forma Sub-sferoidale, con buccia Buccia consistente, Buccia pruinosa e di colore verde-gialla.

      Caratteristiche vino

      Il vino che si ottiene dal vitigno Coda di Volpe è di colore Giallo paglierino, chiaro. Al palato è sapido, fresco.

      Caratteristiche colturali e produttive

      Argomenti correlati


      • Quattrocalici consiglia

      • Registrati su Quattrocalici

      • Il Blog di Quattrocalici

        Quaderno di degustazione - My Wines

        Come compilare la scheda di degustazione per un vino

        La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
      • Segui Quattrocalici sui social

      • Le Regioni del Vino