L’Atlante delle Denominazioni di Origine di Quattrocalici

Vesuvio DOC


Indice dei contenuti per la denominazione Vesuvio DOC

La Denominazione

I vigneti della denominazione Vesuvio DOC si trovano sulle pendici del vulcano, ancora attivo, subito est di Napoli. Per anni i vini di questa zona sono stati considerati di bassa qualità ma, grazie all’impegno dei viticoltori più lungimiranti, la qualità è oggi in ascesa e i vini sono decollati in termini di popolarità. Grazie anche a questo, la zona vinicola del Vesuvio ha ottenuto lo status di DOC nel 1983. I vini della Vesuvio DOC possono essere prodotti in diverse tipologie, rosso, bianco, rosato, spumante e liquoroso (quest’ultimo può essere sia secco che dolce). Il vino bianco deve essere ottenuto per un minimo del 35-80% da uve del vitigno Coda di Volpe (una varietà derivata dagli antichi vitigni romani della Campania Felix e il cui lungo grappolo ricorda la coda di una volpe e che può essere confusa nel vigneto con il vitigno locale Caprettone) e/o Verdeca. Il restante 20% comprende uve Falanghina o Greco. La versione liquorosa è ottenuta dalla stessa miscela. Il rosé e il vino rosso devono includere almeno l’80 per cento di Piedirosso (localmente noto come Per’e Palummo, o Palombina), una varietà di vite chiamata così per via delle nodose basi rosse delle viti e la loro somiglianza con i piedi rossi di una colomba nativa, e/o Sciascinoso (localmente noto come Olivella). Non ci deve essere meno del 50 percento di Piedirosso, e il restante 20 percento può essere costituito da uve del vitigno Aglianico. I vini bianchi e rosati sono di solito prodotti per il consumo immediato, mentre i rossi hanno longevità maggiore. I vini rossi presentano una gamma di aromi affumicati e minerali, derivati ​​dal terreno vulcanico su cui vengono coltivate le uve. Inoltre possono avere note di prugne, lamponi e ciliegie, avvolti in spezie come la cannella e il pepe bianco. I vini la cui gradazione alcolica sia almeno dall’1 all’1,5 percento più alta rispetto alla qualifica base della Vesuvio DOC, possono portare il nome Lacryma Christi del Vesuvio. La maggior parte dei vini della zona del Vesuvio sono etichettati in questo modo. Il nome particolare di questo vino ha dato origine a molti miti. Una di queste leggende racconta che quando Gesù salì al cielo, gettando gli occhi sulla bellissima baia di Napoli, pianse lacrime di gioia, che caddero sul Vesuvio causando la crescita delle viti. Un’altra attribuisce le lacrime di gioia al dio romano del vino, Bacco.

Dettagli della denominazione

Creata nel1991
RegioneCampania
ProvincieNapoli
Tipo di denominazioneDOC
MerceologiaVino

Argomenti correlati

  • Quattrocalici consiglia

  • Registrati su Quattrocalici

  • Segui Quattrocalici sui social

  • Le Regioni del Vino