La guida ai vitigni di Quattrocalici

Lambrusco Maestri

Il vitigno Lambrusco Maestri e i suoi vini

lambrusco maestri vitigno

Il vitigno Lambrusco Maestri deriva, come anche gli altri Lambruschi d’Emilia, da viti vinifere selvatiche, presenti nell’antichità in tutta Italia. I latini chiamavano “Labrusca vitis“, come già riportato da Plinio il Vecchio, tutta una serie di vitigni selvatici che davano acini piccoli e aspri e non venivano generalmente utilizzati per la vinificazione. Queste viti crescevano solitamente al limitare dei boschi e i loro grappoli venivano spesso depredate dagli uccelli che ne erano ghiotti, da cui il loro soprannome di “uzeline” o “oseline”. Il nome “Maestri” sembra derivare dalla “Villa Maestri” che si trova nel comune di San Pancrazio in provincia di Parma. Il Lambrusco Maestri è la varietà più intensa della famiglia dei Lambruschi, spesso utilizzata come uva da taglio per conferire ai vini maggiore carattere, tannini e acidità.

I suoi vini sono anche noti come “Lambruschi scuri” e sono caratteristici del Reggiano e del Parmense. Entrato nel “Registro Nazionale delle Varietà di Vite” nel 1970, Il Lambrusco Maestri si trova in denominazioni importanti come la Modena DOC e Lambrusco Mantovano DOC, le IGT Emilia, Provincia di Mantova e Lambrusco dell’Emilia. Il Lambrusco Maestri vinificato in purezza,è un vino semplice, fresco e vivace, da bere giovane molto spesso nella versione frizzante naturale. Le profumazioni risultano gradevoli e fruttate, mentre l’acidità naturale fornisce gusti secchi e dissetanti.

vitigno lambrusco maestri
Lambrusco Maestri

Informazioni generali sul vitigno

Il vitigno Lambrusco Maestri è uno dei  Vitigni locali a Bacca nera presenti principalmente nelle regioni Emilia-Romagna e registrato ufficialmente nel Catalogo nazionale varietà di vite dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 2223 ha.
Colore baccaBacca nera
Categoria vitigniVitigni locali
Regioni Italiane principaliEmilia-Romagna
Superfice vitata nazionale2223 ha
Famiglia vitigniLambruschi
Anno di registrazione1970
Autorizzato provinceBari, Benevento, Brindisi, Foggia, Lecce, Pordenone, Rovigo, Taranto, Udine
Autorizzato regioniEmilia-Romagna, Lazio, Lombardia
Lambrusco Maestri

Ampelografia del vitigno

Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l’aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Lambrusco Maestri sono:
Caratteristiche della foglia

Il vitigno Lambrusco Maestri ha Foglia media, Foglia orbicolare, Foglia pentagonale, Foglia trilobata.

Caratteristiche del grappolo

Il vitigno Lambrusco Maestri ha Grappolo mediamente compatto, Grappolo medio, Grappolo cilindrico, Grappolo conico. Ali nel grapppolo: 1 ala.

Caratteristiche dell'acino

Il vitigno Lambrusco Maestri ha acini Acini di dimensione media, di forma Acini sub-sferoidali, con buccia Buccia molto pruinosa, Buccia consistente, Buccia spessa e di colore blu-nera.

Lambrusco Maestri

Caratteristiche del vino

Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Lambrusco Maestri sono:

Il vino che si ottiene dal vitigno Lambrusco Maestri è di colore . Al palato è Fresco, vinoso, Floreale, Fragrante.

Lambrusco Maestri

Caratteristiche colturali e produttive

Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l’epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Lambrusco Maestri le caratteristiche principali sono:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.