La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Raboso Veronese e i suoi vini

    Il vitigno Raboso Veronese è ritenuto autoctono del Veneto, in particolare della provincia di Treviso. Anche se vi sono indubbie similitudini con il Raboso Piave, il Raboso Veronese è un vitigno completamente diverso, come dimostrato da studi sul suo DNA. Probabilmente la somiglianza nell’aspetto delle uve ha determinato la comunione del nome Raboso, anche se il grappolo del Raboso Veronese è più spargolo di quello del Raboso Piave. Il nome “Veronese” non deriva invece dalla provincia omonima, in quanto il vitigno non proviene dalla provincia di Verona, che nemmeno ne rappresenta un territorio d’elezione. Si è arrivati addirittura a pensare che “Veronese” fosse il cognome della persona per prima coltivò nella zona questo vitigno. Anche l’epoca della sua introduzione in Veneto non è nota, sicuramente risulta presente in provincia di Treviso fin dall’inizio dell’Ottocento.

    raboso veronese vitigno

    Il Raboso Veronese ha buona resistenza al freddo invernale e la sua predilezione per i terreni di pianura alluvionali e sabbioso-limosi ne hanno decretato la grande diffusione nella pianura padano-veneta. La diffusione del Raboso Veronese coincide abbastanza con quella del Raboso Piave, con il primo presente anche nelle province di Vicenza, Rovigo, Ferrara e Ravenna. La zona d’elezione del Raboso Veronese resta comunque la pianura che si estende lungo il corso del fiume Piave. Il vino che si ottiene dal Raboso Veronese è meno acido e tannico di quello derivato dal Raboso Piave, per cui grazie proprio alla maggiore delicatezza delle sensazioni gustative, esso sta lentamente ma inesorabilmente sostituendo l’altra varietà.

    Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
    Facebook
    Pin on Pinterest
    Pinterest
    Tweet about this on Twitter
    Twitter
    Share on LinkedIn
    Linkedin

    Informazioni generali sul vitigno Raboso Veronese

      Il vitigno Raboso Veronese è uno dei  Vitigni locali a Bacca nera della regione Veneto, registrato ufficialmente dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 280 ha.
      Colore baccaBacca nera
      Categoria vitigniVitigni locali
      Superfice vitata nazionale280 ha
      Anno di registrazione1970
      Autorizzato provincePordenone, Verona
      Autorizzato regioniEmilia-Romagna, Lombardia

      Raboso Veronese - Ampelografia del vitigno

      Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l'aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Raboso Veronese sono:

      Caratteristiche della foglia

      Il vitigno Raboso Veronese ha Foglia media, Pentagonale, Eptalobata, Pentalobata.

      Caratteristiche del grappolo

      Il vitigno Raboso Veronese ha Grappolo compatto, Grappolo lungo, Grappolo cilindrico. Ali nel grapppolo: 1 ala.

      Caratteristiche dell'acino

      Il vitigno Raboso Veronese ha acini dimensione media, di forma Obovoidale, Sferoidale, con buccia Buccia pruinosa, Buccia consistente, spessa e di colore blu-nera.

      Raboso Veronese - Caratteristiche del vino

      Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Raboso Veronese sono:
      Il vino che si ottiene dal vitigno Raboso Veronese è di colore Rosso rubino. Al palato è vinoso, Fruttato, tannico, di corpo.

      Raboso Veronese - Caratteristiche colturali e produttive

      Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l'epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Raboso Veronese le caratteristiche principali sono:

      Raboso Veronese - Il Vino e le Denominazioni di riferimento

      Nel Database dei Vitigni di Quattrocalici sono raccolti i dati relativi a tutti i vitigni che risultano menzionati esplicitamente in almeno una denominazione di origine DOP o IGP italiana. Il vitigno Raboso Veronese risulta essere menzionato nel disciplinare delle seguenti denominazioni:

      Argomenti correlati