L’ATLANTE DELLE DENOMINAZIONI DI ORIGINE di Quattrocalici

Piave Malanotte o Malanotte del Piave DOCG

La Denominazione

piave-malanotte-docg

Il vino Piave Malanotte o Malanotte del Piave DOCG viene ottenuto a partire dai vitigni Raboso Piave per almeno il 70% e Raboso veronese fino al 30%.

La zona di produzione della Piave Malanotte o Malanotte del Piave DOCG si trova in media-bassa pianura, lungo il fiume Piave, caratterizzata da un clima tipicamente
temperato, con estati calde e inverni mai troppo freddi.

La Piave Malanotte o Malanotte del Piave DOCG prende il nome da Borgo Malanotte, un borgo medievale sito in Tezze di Piave (TV), cuore della produzione di questo vino.
In questo territorio la presenza della coltura della vite risale a tempi antichissimi, ma fu soltanto negli anni ‘50 che i produttori della zona presero coscienza delle peculiarità del prodotto e delle sue potenzialità e nel 1971 il vino “Malanotte” viene riconosciuto come tipologia Raboso Piave Malanotte all’interno della denominazione Piave DOC. La forte caratterizzazione di questo vino lo ha portato ad ottenere nel 2010 il riconoscimento della Piave Malanotte o Malanotte del Piave DOCG

Il Raboso Piave e Raboso veronese sono da sempre considerati un vitigni di difficile gestione, a causa della maturazione molto tardiva ma soprattutto dell’elevato contenuto in acido malico e tartarico, accompagnato da tannini difficili irruenti e da note vegetali non sempre gradevoli. Quando si riesce a controllare la produzione e la qualità dell’uva, sono in grado di dare dei vini di grande carattere e qualità.

Il Piave Malanotte o Malanotte del Piave DOCG ha un colore rosso rubino intenso con riflessi violacei, tendente al granato con l’invecchiamento. Il profumo è tipico di marasca, mora, ciliegia, mirtillo. Con la maturazione, sviluppa note balsamiche di menta ed eucalipto. Il sapore è austero, sapido, caratteristico, la tannicità elevata ma elegante e se viene invecchiato in botte può avere sentori di tostatura. Gli elevati contenuti in acidità, tannini e sostanze aromatiche vengono gestiti con il taglio tradizionale di vino ottenuto da uve appassite in graticci. Tale tecnica pratica consente di ammorbidire la spigolosità originaria del Raboso, dando la morbidezza necessaria senza per questo togliere le note di freschezza e fragranza che caratterizzano il Malanotte del Piave DOCG.

Piave Malanotte o Malanotte del Piave DOCG

La Denominazione nei dettagli

piave-malanotte-docg-cartina
Creata nel2010
RegioneVeneto
ProvincieTreviso, Venezia
Tipo di denominazioneDOCG
MerceologiaVino
Piave Malanotte o Malanotte del Piave DOCG

Il Disciplinare della denominazione

Il link rimanda alla pagina del disciplinare della denominazione Piave Malanotte o Malanotte del Piave DOCG, con il pdf della versione aggiornata del disciplinare.
Piave Malanotte o Malanotte del Piave DOCG

I Vitigni della Denominazione

Nella tabella riportiamo i vitigni che rientrano nella composizione ampelografica delle tipologie di vino della denominazione Piave Malanotte o Malanotte del Piave DOCG. I link rimandano alle pagine dedicate alle singole varità della Guida ai Vitigni d’Italia di Quattrocalici.
Piave Malanotte o Malanotte del Piave DOCG

Le Tipologie Vini della Denominazione

I disciplinari delle denominazioni di origine dei vini prevedono una o più “Tipologie di vino” coperte nell’ambito della stessa denominazione. La tabella riporta tutte le tipologie previste dalla denominazione Piave Malanotte o Malanotte del Piave DOCG, ottenute vinificando le uve dei vitigni autorizzati nell’ambito della stessa denominazione. I link rimandano alle pagine dedicate alle singole tipologie di vino, nelle quali si possono trovare tutti i dettagli relativi ai procedimenti di vinificazione e alle caratteristiche organolettiche dei vini.
Piave Malanotte o Malanotte del Piave DOCG

Le Cantine nel territorio della Denominazione

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.