Indice dei contenuti

Il corso sul vino di Quattrocalici - Ampelografia

Descrittori ampelografici

I principali descrittori utilizzati per la caratterizzazione delle varietà di vite.

ampelografia-descrittori

Ampelografia e Descrittori Ampelografici

L’Ampelografia (lo studio della vite e dell’uva) per riconoscere e classificare i vitigni si basa sull’utilizzo di particolari descrittori ampelografici, ossia di caratteristiche  tipiche di una varietà di vite che ne permettano il riconoscimento e la classificazione.

I Descrittori Ampelografici sono una serie di caratteristiche morfologiche relative alla vite e ai suoi principali elementi (foglie, grappolo,acini), standardizzate in modo da poter guidare il ricercatore nella loro identificazione e definite in particolari tabelle (ad esempio quelle dell’OIV – Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino). L’Ampelografia utilizza questi descrittori per caratterizzare ciascun singolo vitigno, ed inizialmente era utilizzata per cercare di comprendere l’evoluzione delle varie specie e i loro precursori a livello genetico. Con il progredire della scienza, gli studi sul DNA e sui marcatori genetici permette di assolvere in maniera molto più attendibile questi compiti. I Descrittori ampelografici trovano comunque la loro utilità nel riconoscimento visuale delle varietà di vite all’interno dei vigneti.

L’elenco dei principali Descrittori Ampelografici

La lista dei principali descrittori e delle loro caratteristiche. Abbiamo semplificato intenzionalmente il numero dei descrittori, citando solamente i più importanti, per gli appassionati della cultura del vino.

Descrittori dell’acino

Dell’acino viene presa in considerazione l’ampiezza (molto stretti, stretti, medi, larghi, molto larghi); la dimensione (molto piccoli, piccoli, medi, grandi, molto grandi); la forma (cilindrica, corniforme, discoidale, elissoidale, fusiforme, irregolare, obovoidale, ovoidale, sferoidale, sferoidale schiacciata, sub-elissoidale, sub-sferoidale, troncovoidale)

La buccia dell’acino

Della buccia si considera l’aspetto della superficie (leggermente puntinata, puntinata, maculata, con ombelico più o meno evidente); la presenza di pruina (poco pruinosa, pruinosa, molto pruinosa), lo spessore (sottile, media, spessa) e la consistenza (tenera, poco consistente, di media consistenza, consistente, molto consistente); il colore (verde-gialla, rosso-scura, rossa, rosa, grigia, blu-nera)

I descrittori del grappolo

Del grappolo si considera la compattezza (molto spargolo, spargolo, mediamente compatto, compatto, molto compatto); la dimensione (piccolo, medio, grosso); la lunghezza (corto, lungo, molto lungo); la forma (cilindrico, conico, piramidale) e il numero di ali (nessuna, 0-1, 0-2, 1, 1-2, 1-3, 1-4, 2, 2-3, 3-4, 5-6, più di 6)

I descrittori della foglia

Della foglia matura si considerano il numero di lobi (intera, trilobata, pentalobata, epatlobata, con più di sette lobi); la forma (orbicolare, cuneiforme, pentagonale, reniforme) e la dimensione (piccola, media, grande)

Marcello Leder
Marcello Leder

Sommelier AIS, divulgatore nel campo del vino e dell'enogastronomia. Ha fondato nel 2011 il portale Quattrocalici, divenuto punto di riferimento per la cultura del vino in Italia, ed è autore della sua struttura e di tutti i suoi contenuti.

Condividi questo articolo

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.