La guida ai vitigni di Quattrocalici

Rondinella

Il vitigno Rondinella e i suoi vini

rondinella vitigno

Il vitigno Rondinella è un autoctono della provincia di Verona le cui origini rimangono tuttora sconosciute. Riconosciuto dagli ampelografi soltanto alla fine dell’800 nell’area veronese, deve il suo nome con tutta probabilità al colore nero-bluastro dei suoi acini, che ricorda appunto il piumaggio della rondine. In genere è vinificato in uvaggio con le altre varietà dell provincia di Verona, soprattutto in Valpolicella e nell’area di Bardolino, ossia Corvina, Corvinone e Molinara. Tali uvaggi sono alla base dei vini di Valpolicella e Bardolino, Amarone in primis. Grazie alla sua capacità di accumulare zuccheri, il vitigno viene impiegato, oltre che nell’Amarone, anche nell’uvaggio del Recioto della Valpolicella. L’appassimento infatti concentra le sostanze aromatiche e zuccherine che si riflettono in vini dall’alto tenore alcolico ed estremamente ricchi di profumi.

Dal punto di vista ampelografico, la Rondinella ha foglia medio-grande, quinquelobata e caratterizzata da un colore verde con riflessi aurei o bronzati ai bordi. Il suo grappolo è compatto, alato , di forma piramidale allungata. L’acino è sferoidale, di colore scuro e dotato di buccia spessa e coriacea, ricoperta da pruina. I vini nei quali la Rondinella esprime il suo potenziale sono caratterizzati da un colore rosso rubino intenso, con lievi sfumature purpuree. Al naso hanno bouquet fruttato e complesso, con note di frutti rossi maturi, ciliegie, tabacco e spezie. Il tannino è suadente ma deciso e la loro struttura complessa ne fa dei perfetti vini da servire con le carni alla griglia, in umido, nelle domeniche di festa e nelle occasioni speciali, ma anche, nel caso del Recioto, come vini da meditazione.

rondinella vitigno

Il vitigno Rondinella è un autoctono della provincia di Verona le cui origini rimangono tuttora sconosciute. Riconosciuto dagli ampelografi soltanto alla fine dell’800 nell’area veronese, deve il suo nome con tutta probabilità al colore nero-bluastro dei suoi acini, che ricorda appunto il piumaggio della rondine. In genere è vinificato in uvaggio con le altre varietà dell provincia di Verona, soprattutto in Valpolicella e nell’area di Bardolino, ossia Corvina, Corvinone e Molinara. Tali uvaggi sono alla base dei vini di Valpolicella e Bardolino, Amarone in primis. Grazie alla sua capacità di accumulare zuccheri, il vitigno viene impiegato, oltre che nell’Amarone, anche nell’uvaggio del Recioto della Valpolicella. L’appassimento infatti concentra le sostanze aromatiche e zuccherine che si riflettono in vini dall’alto tenore alcolico ed estremamente ricchi di profumi.

Dal punto di vista ampelografico, la Rondinella ha foglia medio-grande, quinquelobata e caratterizzata da un colore verde con riflessi aurei o bronzati ai bordi. Il suo grappolo è compatto, alato , di forma piramidale allungata. L’acino è sferoidale, di colore scuro e dotato di buccia spessa e coriacea, ricoperta da pruina. I vini nei quali la Rondinella esprime il suo potenziale sono caratterizzati da un colore rosso rubino intenso, con lievi sfumature purpuree. Al naso hanno bouquet fruttato e complesso, con note di frutti rossi maturi, ciliegie, tabacco e spezie. Il tannino è suadente ma deciso e la loro struttura complessa ne fa dei perfetti vini da servire con le carni alla griglia, in umido, nelle domeniche di festa e nelle occasioni speciali, ma anche, nel caso del Recioto, come vini da meditazione.

vitigno rondinella
Rondinella

Informazioni generali sul vitigno

Il vitigno Rondinella è uno dei  Vitigni autoctoni a Bacca nera presenti principalmente nelle regioni Veneto e registrato ufficialmente nel Catalogo nazionale varietà di vite dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 2.500 ha.
Colore baccaBacca nera
Categoria vitigniVitigni autoctoni
Regioni Italiane principaliVeneto
Superfice vitata nazionale2.500 ha
Anno di registrazione1970
Autorizzato regioniLombardia
Rondinella

Ampelografia del vitigno

Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l’aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Rondinella sono:
Caratteristiche della foglia

Il vitigno Rondinella ha Foglia media, Foglia pentagonale, Foglia pentalobata.

Caratteristiche del grappolo

Il vitigno Rondinella ha Grappolo compatto, Grappolo mediamente compatto, Grappolo medio, Grappolo piramidale. Ali nel grapppolo: 1 ala.

Caratteristiche dell'acino

Il vitigno Rondinella ha acini Acini di dimensione media, di forma Acini sferoidali, con buccia Buccia pruinosa, Buccia consistente, Buccia molto consistente e di colore Buccia blu-nera.

Rondinella

Caratteristiche del vino

Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Rondinella sono:

Il vino che si ottiene dal vitigno Rondinella è di colore Rosso rubino, . Al palato è Caldo, Sapido, Fruttato.

Rondinella

Caratteristiche colturali e produttive

Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l’epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Rondinella le caratteristiche principali sono:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.