La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Pallagrello bianco e i suoi vini

    Il vitigno Pallagrello bianco è uno dei vitigni autoctoni che si sta rendendo protagonista della rinascita enologica della regione Campania. Il vitigno è originario del casertano, con due varietà, uno a bacca bianca e uno a bacca nera, con grappoli piccoli e con acini perfettamente sferici, da cui il nome Pallagrello, cioè piccola palla,  in dialetto locale “U Pallarel”. La sua provenienza risale presumibilmente all’antica Grecia, i coloni Greci furono poi sostituiti dai Romani, e nell’antica Roma, l’uva era conosciuta con il nome di “Pilleolata”. Il vitigno Pallagrello bianco è stato considerato a lungo come sinonimo della “Coda di volpe bianca”, anche se fin dall’800 alcuni studiosi avevano compreso che si trattava di due varietà distinte. Poco produttivo, molto delicato, il vitigno Pallagrello bianco è presente, in modo diffuso, nella sola provincia di Caserta e prevalentemente nei Comuni dell’area viticola Caiatino-Matesino (Ailano, Alife, Alvignano, Caiazzo, Caserta, Castel Campagnano, Castel di Sasso, Castel Morrone, Dragoni, Fonte Greca, Formicola, Gioia Sannitica, Liberi, Piana di Monte Verna, Piedimente Matese, Pontelatone, Prata Sannitica, Pratella, Raviscanina, Ruviano, S. Potito Sannitico, S. Angelo d’Alife)  per i quali è vitigno raccomandato e dove dà origine a produzioni enologiche di spiccata tipicità e crescente interesse.

    Pallagrello bianco
    Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
    Facebook
    Pin on Pinterest
    Pinterest
    Tweet about this on Twitter
    Twitter
    Share on LinkedIn
    Linkedin

    Informazioni generali sul vitigno Pallagrello bianco

      Il vitigno Pallagrello bianco è uno dei  Vitigni autoctoni a Bacca bianca della regione Campania, registrato ufficialmente dal 2004. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a .
      Colore baccaBacca bianca
      Categoria vitigniVitigni autoctoni
      Anno di registrazione2004
      Osservazione provinceCaserta

      Pallagrello bianco - Ampelografia del vitigno

      Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l'aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Pallagrello bianco sono:

      Caratteristiche della foglia

      Il vitigno Pallagrello bianco ha Foglia media, grande, Cuneiforme, Pentagonale, Trilobata.

      Caratteristiche del grappolo

      Il vitigno Pallagrello bianco ha Grappolo mediamente compatto, Grappolo compatto, Grappolo medio, Grappolo cilindrico. Ali nel grapppolo: 1-2 ali.

      Caratteristiche dell'acino

      Il vitigno Pallagrello bianco ha acini piccoli, di forma Sferoidale, con buccia Buccia pruinosa, Acini con ombelico evidente e di colore verde-gialla.

      Pallagrello bianco - Caratteristiche del vino

      Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Pallagrello bianco sono:
      Il vino che si ottiene dal vitigno Pallagrello bianco è di colore Giallo paglierino. Al palato è Fruttato, persistente.

      Pallagrello bianco - Caratteristiche colturali e produttive

      Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l'epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Pallagrello bianco le caratteristiche principali sono:

      Pallagrello bianco - Il Vino e le Denominazioni di riferimento

      Nel Database dei Vitigni di Quattrocalici sono raccolti i dati relativi a tutti i vitigni che risultano menzionati esplicitamente in almeno una denominazione di origine DOP o IGP italiana. Il vitigno Pallagrello bianco risulta essere menzionato nel disciplinare delle seguenti denominazioni:
      DenominazioneTipo denominazioneRegione
      Galluccio DOCDOCCampania
      Terre del Volturno IGTIGTCampania

      Argomenti correlati


      • Registrati su Quattrocalici

      • Il Blog di Quattrocalici

        Quaderno di degustazione - My Wines

        Come compilare la scheda di degustazione per un vino

        La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
      • My Wines – Quaderno per le Degustazioni

        My Wines - Quaderno di Degustazione