Intensità olfattiva del vino



Quando esaminiamo un vino dal punto di vista olfattivo, la prima sensazione che ci si presenta è legata all’intensità dei suoi profumi. Se l’intensità è la misura della quantità di sostanze odorose, la complessità misura invece il numero di diversi riconoscimenti che si presentano all’olfatto.

L’intensità è dunque la “forza” degli aromi presenti nel vino. Alcuni vini hanno aromi molto intensi, altri meno. Non necessariamente l’intensità della profumazione è sinonimo di qualità. In molti casi dipende dal vitigno di origine, in altri dalla fermentazione e dai lieviti utilizzati per effettuarla. Nel caso dell’affinamento in legno, la minore o maggiore tostatura delle botti influenza l’intensità degli aromi terziari.

Classicamente, la scala descrittiva per la intensità del vino è:

L'autore

Laureato in Chimica, Sommelier con interessi in campo biochimico ed enologico, appassionato di Enografia e storia del Vino e della Vite, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti che legano la produzione vitivinicola al territorio e alla vicende umane. Ha fondato Quattrocalici.it nel 2011 ed è l'autore della struttura e del progetto del portale, nonchè della struttura e dell'impostazione della maggior parte dei suoi contenuti. Fin da allora si occupa attivamente di marketing e comunicazione del vino e di divulgazione nel campo dell'enogastronomia.

Commenta questo contenuto