Il palato - Esame gustativo

L'Esame gustativo, ovvero l'assaggio vero e proprio del vino permette la valutazione di tutte le sensazioni gustative e palatali prodotte dalle sostanze non aromatiche contenute nel vino, che completano il suo profilo organolettico.

L’Esame gustativo dei vini

L'esame gustativo permette la valutazione di moltissime sensazioni prodotte dalle centinaia di sostanze non volatili presenti nel vino.

Tannicità del vino

I tannini presenti nei vini rossi vengono ceduti dai vinaccioli durante la macerazione e sono responsabili dell'astringenza più o meno marcata dei vini rossi.

Struttura del vino

La "struttura" del vino è anche detta "corpo" e dipende dall'insieme di sostanze non volatili disciolte nel vino.

Morbidezza del vino

Alcune sostanze responsabili della struttura del vino hanno la capacità di arrotondarne il sapore impartendogli una sensazione di morbidezza.

I Minerali e la sapidità del vino

La sensazione di sapidità che si riscontra in molti vini proviene dal loro contenuto in sostanze minerali disciolte.

Acidità del vino

Gli acidi non volatili danno al vino sensazione di freschezza e vivacità, caratteristica dei vini bianchi ma non solo.

Dolcezza e zuccheri nel vino

Gli zuccheri residui presenti nel vino al termine della fermentazione sono responsabili della sua maggiore o minore dolcezza.

Alcolicità del vino

L'alcool oltre agli effetti inebrianti, ha come caratteristica la capacità di generare una sensazione di calore a contatto con il palato.

Persistenza del vino

La persistenza è il ricordo sensoriale del vino dopo il termine della sua degustazione. Un vino persistente è detto "lungo" uno poco persistente è detto "corto". Scopriamo perchè.