Grecanico dorato - La Guida dei Vitigni d'Italia

vitigno grecanico dorato

Il vitigno Grecanico

Il vitigno Grecanico sembra essere stato introdotto in Sicilia dalla Grecia: prima dell'avvento della fillossera il Grecanico si poteva trovare nelle provincie di Trapani, Catania, Caltanissetta, ma in seguito si è diffuso maggiormente in quella di Trapani. Del vitigno  Grecanico si conoscono due cloni, uno a grappolo spargolo, diffuso nel trapanese ed un altro a grappolo serrato, meno diffuso e presente in prevalenza nella Sicilia occidentale. Presenta alcune affinità aromatiche con il Sauvignon, ma questo non implica alcuna affinità di tipo genetico.

Estratto dal catalogo vitigni

Nome varietà Codice varietà Sinonimi riconosciuti Autorizzato province Autorizzato regioni Raccomandato province Raccomandato regioni Anno ins. Gruppi
Grecanico Dorato B. 94 Sicilia 1970 Locali, Greci

Caratteristiche del vitigno Grecanico dorato

Colore Bacca: Bianca

Caratteristiche varietali:

Il vitigno Grecanico foglia media, pentagonale, quinquelobata, piu' marcati i lobi superiori, denti irregolari molto pronunciati, lembo un po' rugoso, verde opaco, quasi glabro. il suo grappolo è lungo, cilindrico, alato, con ali piu' o meno pronunciate, semispargolo o semicompatto con acinellatura piu' o meno evidente. L'acino èmedio, sferoide, di colore giallo dorato, dalla buccia spessa e consistente.

Coltura ed allevamento:

Caratteristiche produzione:

Caratteristiche vino:

Dal vitigno Grecanico si ottiene un vino fine di colore giallo dorato, discretamente alcolico, di odore e sapore neutro, fresco e armonico.