L’Atlante delle Denominazioni di Origine di Quattrocalici

Bosco Eliceo DOC


Indice dei contenuti per la denominazione Bosco Eliceo DOC

La denominazione Bosco Eliceo DOC rappresenta una delle più importanti aree vitivinicole della regione Emilia-Romagna. La denominazione Bosco Eliceo DOC include le province di Ferrara, Ravenna ed è stata creata nel 1989. I vini della denominazione Bosco Eliceo DOC si basano principalmente sui vitigni Fortana, Merlot, Sauvignon, Trebbiano Romagnolo, Malvasia bianca di Candia. L'annessa cartina mostra la delimitazione geografica della denominazione Bosco Eliceo DOC. Inoltre, Quattrocalici.it propone un elenco dei più importanti produttori di vino ubicati all'interno dell'area definita per la denominazione Bosco Eliceo DOC.

La Denominazione

Caratteristica peculiare della denominazione Bosco Eliceo DOC è che i suoi della zona, che si estendono lungo una fascia molto stretta a ridosso del litorale adriatico, sono  sostanzialmente sabbiosi (fino al 95-97% di sabbia). Unica eccezione, l’area intorno ad Argenta, che si spinge maggiormente verso l’entroterra e si caratterizza per suoli di bonifica recente con una maggiore presenza di limo e argilla in superficie e sabbiosi oltre i 50 cm di profondità. I terreni della DOC Bosco Eliceo si sono originati in gran parte per bonifiche successive e/o sedimentazione delle alluvioni fluviali di Po e Reno. L’azione combinata di questi eventi ha portato alla definizione di un ambiente compreso tra le “Valli” e il mare in cui si è insediata dapprima una vegetazione “colonizzatrice” fino ad arrivare al bosco di leccio, all’interno del quale cresceva anche la Vitis vinifera.
L’area della denominazione Bosco Eliceo DOC è una delle più calde della viticoltura dell’Emilia-Romagna. La vicinanza del mare consente, però, di avere una buona escursione termica tra il giorno e la notte, situazione positiva per la formazione e il mantenimento del quadro aromatico delle uve. La particolarità del clima spiega come una varietà a maturazione tardiva quale “Fortana” (detta anche “Uva d’oro”) si sia connaturata a quest’ambiente sin da tempi remoti. Lo stesso si dica per il Trebbiano
romagnolo e la Malvasia bianca di Candia. L’introduzione più recente di
varietà a maturazione media o precoce come Sauvignon e Merlot si può mettere in relazione con la necessità di ampliare il calendario di raccolta sfruttando il carattere varietale dei vitigni in questione e la proprietà dei suoli sabbiosi di privilegiare la componente aromatica rispetto alla struttura, ottenendo vini leggeri e floreali.
Grazie al terreno sabbioso le viti, nonostante la fillossera, sono ancora oggi spesso franche di piede e il portinnesto viene impiegato più per problemi legati alla salinità che non al parassita. La forma di allevamento tradizionale è il Guyot, ma si possono trovare anche Cordone speronato e GDC.
I vini della DOC Bosco Eliceo tendono a non avere una struttura particolarmente importante e puntano soprattutto alla freschezza e alla fragranza degli aromi e del gusto, specie nelle versioni frizzanti. In genere si tratta di vini non particolarmente alcolici, ma piuttosto sapidi, grazie anche alla presenza di una falda superficiale spesso salmastra.
I vini Bosco Eliceo Fortana si presentano di un bel colore rosso rubino, più o meno intenso, con riflessi violacei. All’olfatto spicca una certa vinosità che si accompagna a note fiorali, ma soprattutto fruttate (bacche rosse, con particolare riferimento a ciliegie e more di rovo). Talora possono essere presenti anche note resinose e speziate. Al gusto si rileva una buona acidità e il giusto tannino, per l’abbinamento con i piatti grassi e succulenti della tradizione gastronomica ferrarese.
I Merlot della DOC Bosco Eliceo hanno una bella colorazione rosso rubino, abbastanza intensa e accompagnata da riflessi violacei. All’olfatto, l’erbaceo tipico del vitigno non è invadente e si accompagna ad un buon fruttato che richiama le more e le prugne o meglio i prugnoli selvatici. Al gusto sono moderatamente acidi e poco tannici.
Il Bosco Eliceo Sauvignon è di colore giallo paglierino. Il profumo è piuttosto delicato, quasi aromatico, con note fruttate prevalenti. In bocca risulta di giusta acidità e sapidità.
“Bosco Eliceo Bianco” è un vino di colore giallo paglierino chiaro, con profumo delicato, con note di fiori di acacia e un fruttato più o meno spiccato a seconda dei vitigni che accompagnano il Trebbiano romagnolo. Al gusto risulta di giusta acidità e sapidità.

Dettagli della denominazione

Creata nel1989
RegioneEmilia-Romagna
ProvincieFerrara, Ravenna
Tipo di denominazioneDOC
MerceologiaVino

Argomenti correlati

  • Quattrocalici consiglia

  • Registrati su Quattrocalici

  • Segui Quattrocalici sui social

  • Le Regioni del Vino