La guida ai vitigni di Quattrocalici

Lambrusco Salamino

Il vitigno Lambrusco Salamino e i suoi vini

lambrusco salamino vitigno

Il vitigno Lambrusco Salamino origina nella zona di Carpi a nord-ovest della provincia di Modena e dai terreni della “bassa” modenese, a nord-est del capoluogo. Il vitigno Lambrusco Salamino è una delle molte varietà di Lambruschi coltivata in Emilia-Romagna, e come le altre deriva probabilmente da viti vinifere selvatiche, che crescevano abbondantemente in maniera spontanea nei colli dell’Appennino e che erano chiamate dai latini “Labrusca vitis“. Queste uve erano anche dette anche “uzeline” o “oseline” per il fatto che, crescendo spontaneamete al limitare dei boschi, venivano depredate dagli uccelli che ne erano ghiotti. Il Lambrusco Salamino di Santa Croce DOC deve il suo nome all’omonima frazione del Comune di Carpi da cui questo vitigno si è poi diffuso in tutto il territorio della provincia di Modena ed in quelle confinanti.

Il Lambrusco Salamino si presenta con grappoli di piccole dimensioni a forma cilindrica, spesso alati e sottili, con lunghezze intorno ai 10 cm, di densità compatta. Gli acini non sono mai della stessa dimensione anche sui singoli grappoli, hanno forma sferica e abbondante pruina. Le bucce sono di colore blu tendenti a sfumature nere, spesse e coriacee. Il Lambrusco Salamino è un vitigno è vigoroso, molto produttivo e con rese alte e regolari. Matura verso i primi dieci giorni di ottobre, e viene allevato con potature decise e verdi per limitarne le rese troppo abbondanti specialmente nel numero di grappoli per trancio. La zona del comune di Carpi, dove viene coltivato da molti secoli se non già al tempo dei Romani, si caratterizza per i sedimenti alluvionali classici della Pianura Padana, con geologie argillose, sabbiose e limose. Questo terreno fornisce nutrienti essenziali al vitigno, permettendone inoltre la giusta maturazione e la protezione contro le avversità derivate dall’umidità, come il marciume, grazie ad un drenaggio ottimale.

Il Lambrusco Salamino viene generalmente vinificato in purezza, anche se non mancano assemblaggi con piccole percentuali del vitigno Ancellotta e Fortana. I suoi vini hanno colore rubino e la classica frizzantezza dei Lambruschi. La spuma si presenta fine, con le sfumature violette presenti nel corpo del vino. I profumi sono quelli classici del Lambrusco, fruttati di piccoli frutti rossi, affiancati da da lievi sentori vinosi. Al palato domina la freschezza, che viene equilibrata dal tannino leggero e dalla vena sapida. L’acidità è quindi ricca, facendone un vino semplice da bere, chiaramente giovane. Il corpo è nella media, leggero grazie alla bassa gradazione alcolica. Il Lambrusco Salamino è un ottimo vino per i primi al sugo, ma anche con il maiale e più raramente con arrosti di carni bianche.

lambrusco salamino vitigno

Il vitigno Lambrusco Salamino origina nella zona di Carpi a nord-ovest della provincia di Modena e dai terreni della “bassa” modenese, a nord-est del capoluogo. Il vitigno Lambrusco Salamino è una delle molte varietà di Lambruschi coltivata in Emilia-Romagna, e come le altre deriva probabilmente da viti vinifere selvatiche, che crescevano abbondantemente in maniera spontanea nei colli dell’Appennino e che erano chiamate dai latini “Labrusca vitis“. Queste uve erano anche dette anche “uzeline” o “oseline” per il fatto che, crescendo spontaneamete al limitare dei boschi, venivano depredate dagli uccelli che ne erano ghiotti. Il Lambrusco Salamino di Santa Croce DOC deve il suo nome all’omonima frazione del Comune di Carpi da cui questo vitigno si è poi diffuso in tutto il territorio della provincia di Modena ed in quelle confinanti.

Il Lambrusco Salamino si presenta con grappoli di piccole dimensioni a forma cilindrica, spesso alati e sottili, con lunghezze intorno ai 10 cm, di densità compatta. Gli acini non sono mai della stessa dimensione anche sui singoli grappoli, hanno forma sferica e abbondante pruina. Le bucce sono di colore blu tendenti a sfumature nere, spesse e coriacee. Il Lambrusco Salamino è un vitigno è vigoroso, molto produttivo e con rese alte e regolari. Matura verso i primi dieci giorni di ottobre, e viene allevato con potature decise e verdi per limitarne le rese troppo abbondanti specialmente nel numero di grappoli per trancio. La zona del comune di Carpi, dove viene coltivato da molti secoli se non già al tempo dei Romani, si caratterizza per i sedimenti alluvionali classici della Pianura Padana, con geologie argillose, sabbiose e limose. Questo terreno fornisce nutrienti essenziali al vitigno, permettendone inoltre la giusta maturazione e la protezione contro le avversità derivate dall’umidità, come il marciume, grazie ad un drenaggio ottimale.

Il Lambrusco Salamino viene generalmente vinificato in purezza, anche se non mancano assemblaggi con piccole percentuali del vitigno Ancellotta e Fortana. I suoi vini hanno colore rubino e la classica frizzantezza dei Lambruschi. La spuma si presenta fine, con le sfumature violette presenti nel corpo del vino. I profumi sono quelli classici del Lambrusco, fruttati di piccoli frutti rossi, affiancati da da lievi sentori vinosi. Al palato domina la freschezza, che viene equilibrata dal tannino leggero e dalla vena sapida. L’acidità è quindi ricca, facendone un vino semplice da bere, chiaramente giovane. Il corpo è nella media, leggero grazie alla bassa gradazione alcolica. Il Lambrusco Salamino è un ottimo vino per i primi al sugo, ma anche con il maiale e più raramente con arrosti di carni bianche.

vitigno lambrusco salamino
Lambrusco Salamino

Informazioni generali sul vitigno

Il vitigno Lambrusco Salamino è uno dei  Vitigni locali a Bacca nera presenti principalmente nelle regioni Emilia-Romagna e registrato ufficialmente nel Catalogo nazionale varietà di vite dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 5003 ha.
Colore baccaBacca nera
Categoria vitigniVitigni locali
Regioni Italiane principaliEmilia-Romagna
Superfice vitata nazionale5003 ha
Famiglia vitigniLambruschi
SinonimiLambrusco
Anno di registrazione1970
Autorizzato regioniEmilia-Romagna, Lombardia
Lambrusco Salamino

Ampelografia del vitigno

Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l’aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Lambrusco Salamino sono:
Caratteristiche della foglia

Il vitigno Lambrusco Salamino ha Foglia media, Foglia pentagonale, Foglia trilobata.

Caratteristiche del grappolo

Il vitigno Lambrusco Salamino ha Grappolo compatto, Grappolo medio, Grappolo cilindrico, Grappolo conico. Ali nel grapppolo: 1 ala.

Caratteristiche dell'acino

Il vitigno Lambrusco Salamino ha acini Acini piccoli, di forma Acini sferoidali, con buccia Buccia molto pruinosa, Buccia spessa e di colore Buccia blu-nera.

Lambrusco Salamino

Caratteristiche del vino

Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Lambrusco Salamino sono:

Il vino che si ottiene dal vitigno Lambrusco Salamino è di colore Rosso rubino. Al palato è Fresco, vinoso, Floreale, Fragrante.

Lambrusco Salamino

Caratteristiche colturali e produttive

Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l’epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Lambrusco Salamino le caratteristiche principali sono:
Lambrusco Salamino

Il vino e le Denominazioni di riferimento

Nel Database dei Vitigni di Quattrocalici sono raccolti i dati relativi a tutti i vitigni che risultano menzionati esplicitamente in almeno una denominazione di origine DOP o IGP italiana. Il vitigno Lambrusco Salamino risulta essere menzionato nel disciplinare delle seguenti denominazioni:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.