La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Indice dei contenuti per il vitigno Lambrusco Grasparossa

Il vitigno Lambrusco Grasparossa

    Il vitigno Lambrusco Grasparossa, come gli altri vitigni della famiglia dei Lambruschi ha  probabili origini selvatiche (vitis silvestris o vitis lambrusca,  come anche citata da Plinio il Vecchio) ed in seguito è stato addomesticato. E’ un vitigno molto diffuso nelle province di Modena e Mantova, è detto anche Lambrusco di Castelvetro e Lambrusco di Spezzano.Questo vitigno non ha grande vigoria vegetativa, ed ha la particolare caratteristica che in autunno si arrossano non solo le foglie, ma anche raspo e pedicelli, fenomeno che contribuisce a creare le colorazioni particolarmente suggestive dei vitigni di queste zone all’epoca della vendemmia.

    Groppello grasparossa

    Informazioni generali sul vitigno Lambrusco Grasparossa

      Colore baccaBacca nera
      Categoria vitigniVitigni locali
      Famiglia vitigniLambruschi
      Anno di registrazione1970
      Autorizzato regioniEmilia-Romagna, Lombardia

      Ampelografia

      Caratteristiche della foglia

      Foglia media, Orbicolare, Pentagonale, Trilobata.

      Caratteristiche del grappolo

      Spargolo, Grappolo medio, Grappolo piramidale. Ali nel grapppolo: 1 ala.

      Caratteristiche dell'acino

      dimensione media, di forma Ovoidale, con buccia spessa, Buccia consistente, Buccia molto pruinosa e di colore blu-nera.

      Caratteristiche vino

      Il vino che si ottiene dal vitigno Lambrusco Grasparossa è di colore Rosso rubino, intenso. Al palato è fresco, vinoso, Floreale, Fragrante.

      Caratteristiche colturali e produttive

      Argomenti correlati


      • Quattrocalici consiglia

      • Registrati su Quattrocalici

      • Il Blog di Quattrocalici

        Quaderno di degustazione - My Wines

        Come compilare la scheda di degustazione per un vino

        La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
      • Segui Quattrocalici sui social

      • Le Regioni del Vino