La guida ai vitigni di Quattrocalici

Frappato

Il vitigno Frappato e i suoi vini

frappato vitigno

Il Frappato è un vitigno a bacca nera autoctono della Sicilia. Di antiche origini, le prime notizie certe lo fanno risalire al XVIII secolo, proveniente dalla penisola iberica. Il nome Frappato sembra derivare da “fruttato”, ma viene chiamato anche con i sinonimi di Frappato Nero di Vittoria e Frappatu. Il Frappato è oggi presente in tutta la Sicilia ma essenzialmente nella provincia di Siracusa e in quella di Ragusa, è poco diffuso nelle altre province siciliane. Il Frappato è un vitigno robusto, la cui produzione ha rese costanti ma piuttosto modeste. I grappoli sono alati, compatti, di medie dimensioni e forma piramidale. Gli acini sono di colore blu, irregolari, sferoidali-ellissoidali, con buccia spessa e ricoperta da abbondante pruina. La fioritura precoce lo rende sensibile a eventuali sbalzi climatici, sempre più frequenti durante i periodi primaverili. Ha maturazione tardiva, con vendemmia che si svolge in genere alla fine di settembre.

Il Frappato viene vinificato con il Nero d’Avola nel Cerasuolo di Vittoria o anche in purezza, con fermentazione e affinamento in acciaio, per far risaltare i tipici aromi floreali e fruttati del vitigno. Vinificato in purezza il Frappato dà un vino di colore rubino scarico, brillante, profumo vinoso e fruttato, come richiama il suo nome, ma anche con note floreali. In assemblaggio con il Nero d’Avola risulta sfumato, con sentori di grafite e qualche nota animale che proviene dal vitigno secondario. Al palato il vino risulta di medio corpo, con tannini morbidi e gusto fresco e leggero. Viene anche prodotto come spumante rosato con il metodo classico. Oltre all’assemblaggio nel Cerasuolo di Vittoria DOCG, lo troviamo nelle DOC Alcamo, Eloro, Erice e Vittoria, quasi tutte nelle province di Ragusa, Siracusa e Catania, ma viene vinificato anche in IGT e come Vino da Tavola con buoni risultati anche nelle province di Caltanisetta ed Agrigento. Il Frappato, essendo un vino generalmente leggero, si presta all’abbinamento sia con formaggi che con secondi di pesce saporiti o primi equilibrati.

frappato vitigno

Il Frappato è un vitigno a bacca nera autoctono della Sicilia. Di antiche origini, le prime notizie certe lo fanno risalire al XVIII secolo, proveniente dalla penisola iberica. Il nome Frappato sembra derivare da “fruttato”, ma viene chiamato anche con i sinonimi di Frappato Nero di Vittoria e Frappatu. Il Frappato è oggi presente in tutta la Sicilia ma essenzialmente nella provincia di Siracusa e in quella di Ragusa, è poco diffuso nelle altre province siciliane. Il Frappato è un vitigno robusto, la cui produzione ha rese costanti ma piuttosto modeste. I grappoli sono alati, compatti, di medie dimensioni e forma piramidale. Gli acini sono di colore blu, irregolari, sferoidali-ellissoidali, con buccia spessa e ricoperta da abbondante pruina. La fioritura precoce lo rende sensibile a eventuali sbalzi climatici, sempre più frequenti durante i periodi primaverili. Ha maturazione tardiva, con vendemmia che si svolge in genere alla fine di settembre.

Il Frappato viene vinificato con il Nero d’Avola nel Cerasuolo di Vittoria o anche in purezza, con fermentazione e affinamento in acciaio, per far risaltare i tipici aromi floreali e fruttati del vitigno. Vinificato in purezza il Frappato dà un vino di colore rubino scarico, brillante, profumo vinoso e fruttato, come richiama il suo nome, ma anche con note floreali. In assemblaggio con il Nero d’Avola risulta sfumato, con sentori di grafite e qualche nota animale che proviene dal vitigno secondario. Al palato il vino risulta di medio corpo, con tannini morbidi e gusto fresco e leggero. Viene anche prodotto come spumante rosato con il metodo classico. Oltre all’assemblaggio nel Cerasuolo di Vittoria DOCG, lo troviamo nelle DOC Alcamo, Eloro, Erice e Vittoria, quasi tutte nelle province di Ragusa, Siracusa e Catania, ma viene vinificato anche in IGT e come Vino da Tavola con buoni risultati anche nelle province di Caltanisetta ed Agrigento. Il Frappato, essendo un vino generalmente leggero, si presta all’abbinamento sia con formaggi che con secondi di pesce saporiti o primi equilibrati.

vitigno frappato
Frappato

Informazioni generali sul vitigno

Il vitigno Frappato è uno dei  Vitigni locali a Bacca nera presenti principalmente nelle regioni Sicilia e registrato ufficialmente nel Catalogo nazionale varietà di vite dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 752 ha.
Colore baccaBacca nera
Categoria vitigniVitigni locali
Regioni Italiane principaliSicilia
Superfice vitata nazionale752 ha
SinonimiFrappato d’Italia
Anno di registrazione1970
Autorizzato regioniSicilia
Frappato

Ampelografia del vitigno

Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l’aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Frappato sono:
Caratteristiche della foglia

Il vitigno Frappato ha Foglia media, Foglia pentagonale.

Caratteristiche del grappolo

Il vitigno Frappato ha Grappolo compatto, Grappolo medio, Grappolo cilindrico, Grappolo piramidale. Ali nel grapppolo: 1 ala.

Caratteristiche dell'acino

Il vitigno Frappato ha acini Acini di dimensione media, di forma Acini elissoidali, Acini sferoidali, con buccia Buccia consistente, Buccia spessa e di colore Buccia blu-nera.

Frappato

Caratteristiche del vino

Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Frappato sono:

Il vino che si ottiene dal vitigno Frappato è di colore Rosso rubino. Al palato è Fruttato, Floreale, tannico.

Frappato

Caratteristiche colturali e produttive

Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l’epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Frappato le caratteristiche principali sono:
Frappato

Il vino e le Denominazioni di riferimento

Nel Database dei Vitigni di Quattrocalici sono raccolti i dati relativi a tutti i vitigni che risultano menzionati esplicitamente in almeno una denominazione di origine DOP o IGP italiana. Il vitigno Frappato risulta essere menzionato nel disciplinare delle seguenti denominazioni:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.