La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Indice dei contenuti per il vitigno Neretto di Bairo

Il vitigno Neretto di Bairo

    Il vitigno Neretto di Bairo (detto anche più comunemente “Neretto”) è presente da tempo immemore nel Canavese, ma le sue origini sono sconosciute. E’ un vitigno che presenta difficoltà oggettive in termini di coltivazione, soprattutto a causa dell’incostanza nella produzione e delle basse rese. Nonostante ciò il Neretto di Bairo è una varietà in grado di fornire uva di qualità, che all’atto della vinificazione risulta meno acida e qunidi più equilibrata della Barbera coltivata nelle stesse zone. Il vitigno , oltre che nel Canavese (comuni di Bairo, Valperga, San Giorgio) è presente anche nel Pinerolese, anche se con estensioni più modeste.

    Neretto di Bairo

    Informazioni generali sul vitigno Neretto di Bairo

      Colore baccaBacca nera
      Categoria vitigniVitigni autoctoni
      Anno di registrazione1970
      Raccomandato regioniPiemonte

      Ampelografia

      Caratteristiche della foglia

      Foglia media, Pentagonale, Trilobata.

      Caratteristiche del grappolo

      Grappolo compatto, Grappolo medio, Grappolo cilindrico. Ali nel grapppolo: 1 ala.

      Caratteristiche dell'acino

      dimensione media, grandi, di forma Acini elissoidali, con buccia Buccia di medio spessore, Buccia pruinosa e di colore blu-nera.

      Caratteristiche vino

      Il vino che si ottiene dal vitigno Neretto di Bairo è di colore Rosso rubino, intenso. Al palato è Caldo, di corpo.

      Caratteristiche colturali e produttive

      Denominazioni di riferimento

      DenominazioneTipo denominazioneRegione
      Canavese DOCDOCPiemonte
      Pinerolese DOCDOCPiemonte

      Argomenti correlati


      • Quattrocalici consiglia

      • Registrati su Quattrocalici

      • Il Blog di Quattrocalici

        Quaderno di degustazione - My Wines

        Come compilare la scheda di degustazione per un vino

        La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
      • Segui Quattrocalici sui social

      • Le Regioni del Vino