La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Albarola e i suoi vini

    L’Albarola è un vitigno a bacca bianca diffuso soprattutto in Liguria. La sua origine è contesa tra questa regione, in particolare la zona delle Cinque Terre, e la Toscana, soprattutto nella zona della Colli di Luni DOC. L’Albarola è molto simile alla Bianchetta Genovese, tanto che ricerche sul DNA ne hanno confermato la presunta omogeneità tanto da essere considerati un unico vitigno con due sinonimi e caratteristiche diverse dovute al territorio. La similitudine si nota specialmente sul colore, sia delle uve che dei vini, entrambi molto scarichi e pallidi. In passato l’Albarola veniva chiamata Calcatella per i caratteristici grappoli dagli acini piccoli e serrati. I grappoli dell’Albarola hanno dimensioni medio-piccole e forma cilindrica, compatti e alati. Le bucce sono fini ma comunque coriacee, di un colore molto pallido bianco tendente al verdolino o al giallino e coperte da abbondante pruina.

    vitigno albarola

    L’Albarola ha rese alte e costanti è resistente alle malattie e alle correnti marine. Può essere allevata con vari sistemi tra cui la controspalliera, e con potature poco o mediamente espanse. Soffre per la peronospora, l’impallinatura, l’oidio e il marciume e per questo predilige colline con buona esposizione e ventilazione. L’Albarola dal punto di vista enologico è molto neutra ed anonima. Rientra in denominazioni liguri molto famose come a DOC Cinque Terre e qualche denominazione toscana. I suoi vini sono chiari e pallidi con sfumature verdoline, profumi poco intensi e semplici, con note leggermente erbacee. Il palato è altrettanto semplice, con struttura medio leggera e poco acida. E’ un vino semplice da consumare giovane. In assemblaggio l’Albarola apporta invece struttura e gradazione alcolica. Rientra in tutti i disciplinari DOC dei vini bianchi liguri, come Colli di Luni, Colline di Levante e Golfo del Tigullio, dove viene impiegata generalmente in assemblaggio con il Vermentino e il Bosco ed è usata anche nel famoso Sciacchetrà delle Cinque Terre, vino passito di chiara fama. In Toscana rientra disciplinari del Candia dei Colli Apuani, del Montescudaio, del Bianco Pisano di Torpè e del Colli dell’Etruria centrale.

    Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
    Facebook
    Pin on Pinterest
    Pinterest
    Tweet about this on Twitter
    Twitter
    Share on LinkedIn
    Linkedin

    Informazioni generali sul vitigno Albarola

      Il vitigno Albarola è uno dei  Vitigni autoctoni a Bacca bianca della regione Liguria, registrato ufficialmente dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 149 ha.
      Colore baccaBacca bianca
      Categoria vitigniVitigni autoctoni
      Superfice vitata nazionale149 ha
      SinonimiBianchetta Genovese
      Anno di registrazione1970
      Autorizzato regioniLiguria, Toscana

      Albarola - Ampelografia del vitigno

      Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l'aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Albarola sono:

      Caratteristiche della foglia

      Il vitigno Albarola ha Foglia media, Foglia piccola, Pentagonale, Intera.

      Caratteristiche del grappolo

      Il vitigno Albarola ha Grappolo medio, Grappolo cilindrico, Grappolo conico. Ali nel grapppolo: 1-2 ali.

      Caratteristiche dell'acino

      Il vitigno Albarola ha acini molto piccoli, di forma Acini elissoidali, con buccia Buccia pruinosa, Buccia consistente, sottile e di colore verde-gialla.

      Albarola - Caratteristiche del vino

      Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Albarola sono:
      Il vino che si ottiene dal vitigno Albarola è di colore Giallo paglierino con riflessi verdolini. Al palato è Erbaceo.

      Albarola - Caratteristiche colturali e produttive

      Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l'epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Albarola le caratteristiche principali sono:
      Predilige climaClima ventilato
      Predilige posizioneEsposizione buona, Zone collinari
      Richiede potaturaPotatura corta, Potatura mista
      Tipo allevamentoControspalliera, Tipi di allevamento tradizionali
      Sensibilità conosciuteBotrite, Muffe, Oidio

      Albarola - Il Vino e le Denominazioni di riferimento

      Nel Database dei Vitigni di Quattrocalici sono raccolti i dati relativi a tutti i vitigni che risultano menzionati esplicitamente in almeno una denominazione di origine DOP o IGP italiana. Il vitigno Albarola risulta essere menzionato nel disciplinare delle seguenti denominazioni:

      Argomenti correlati


      • Registrati su Quattrocalici

      • Il Blog di Quattrocalici

        Quaderno di degustazione - My Wines

        Come compilare la scheda di degustazione per un vino

        La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
      • My Wines – Quaderno per le Degustazioni

        My Wines - Quaderno di Degustazione