Albarossa - La Guida dei Vitigni d'Italia

vitigno albarossa

Il vitigno Albarossa

Il vitigno Albarossa è stato ottenuto nel 1938 da Giovanni Dalmasso incrociando Nebbiolo e Barbera, nel tentativo di fondere in un'unica varietà le caratteristiche e le qualità dei due principali vitigni piemontesi. Il vitigno è conosciuto anche come Incrocio Dalmasso XV/31. In realtà, da indagini sul DNA effettuate qualche anno fa, è emerso che il vero “padre” dell’Albarossa non è il celebre e nobile Nebbiolo, ma il meno conosciuto Chatus (detto anche Nebbiolo di Dronero), vitigno autoctono alpino. Dopo un lungo periodo di sperimentazioni, nel 2001 l’Albarossa è stata iscritta tra i vitigni idonei alla coltivazione nelle province di Asti, Alessandria e Cuneo, suscitando l’interesse di molti produttori, tra cui anche nomi molto famosi, per le sue qualità enologiche e la predisposizione all'affinamento in legno.

Estratto dal catalogo vitigni

Nome varietà Codice varietà Sinonimi riconosciuti Autorizzato province Autorizzato regioni Raccomandato province Raccomandato regioni Anno ins. Gruppi
Albarossa N. 267 Liguria, Piemonte 1977 Autoctoni

Caratteristiche del vitigno Albarossa

Colore Bacca: Nera

Caratteristiche varietali:

Il vitigno Albarossa ha le seguenti caratteristiche varietali:

  • Foglia: media, pentagonale, pentalobata
  • Grappolo: medio, piramidale, mediamente compatto, alato
  • Acino: piccolo, elissoidale Buccia: pruinosa, sottile, consistente, di colore rosso-violetto

Coltura ed allevamento:

Il vitigno Albarossa richiede terreni asciutti e posizionati in colline con buona esposizione, con suoli calcarei e ricchi di microelementi.

Caratteristiche produzione:

Il vitigno Albarossa ha buona vigoria ed epoca di maturazione tardiva, dà una produzione abbondante e costante.

Caratteristiche vino:

Il vitigno Albarossa dà un vino dal colore rosso rubino intenso con riflessi porpora; al naso è vinoso eleggermente speziato, con note di frutti rossi come la ciliegia. Al palato è di corpo e fresco per acidità. Ha una certa predisposizione per l'affinamento in legno.

Denominazioni in cui il vitigno è presente


DOC
Piemonte: