La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Primitivo e i suoi vini

    Il vitigno Primitivo, diffuso al sud dall’Abruzzo alla Basilicata e dalla Sardegna alla Campania, trova in Puglia, nella zona di Manduria il suo territorio di elezione. Le sue origini sono incerte, ma si ritiene sia di provenienza dalmata, e che sia stato portato in Puglia più di 2000 anni fa dall’antico popolo degli Illiri. Il suo nome deriva sicuramente dalla precocità di maturazione delle uve. Le caratteristiche di intensità e di corpo dei vini ottenuti col vitigno primitivo, unitamente alla sua alta produttività (anche se non molto costante) hanno fatto si che in passato fosse utilizzato soprattutto come vino da taglio. Soltanto in tempi più recenti, lavorando sulla riduzione delle rese, ritornando a forme di allevamento tradizionale (alberello pugliese) ed utilizzando tecniche di vinificazione più accurate, il Primitivo ha portato a prodotti veramente notevoli che ne hanno detterminato la riscoperta da parte del grande pubblico.

    Primitivo
    Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
    Facebook
    Pin on Pinterest
    Pinterest
    Tweet about this on Twitter
    Twitter
    Share on LinkedIn
    Linkedin

    Informazioni generali sul vitigno Primitivo

      Il vitigno Primitivo è uno dei  Vitigni locali a Bacca nera della regione Puglia, registrato ufficialmente dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a .
      Colore baccaBacca nera
      Categoria vitigniVitigni locali
      Anno di registrazione1970
      Autorizzato regioniAbruzzo, Basilicata, Campania, Lazio, Sardegna, Umbria
      Osservazione regioniMolise

      Primitivo - Ampelografia del vitigno

      Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l'aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Primitivo sono:

      Caratteristiche della foglia

      Il vitigno Primitivo ha Foglia media, Pentagonale, Pentalobata.

      Caratteristiche del grappolo

      Il vitigno Primitivo ha Grappolo mediamente compatto, Grappolo compatto, Grappolo medio, Grappolo conico, Grappolo cilindrico. Ali nel grapppolo: 1-2 ali.

      Caratteristiche dell'acino

      Il vitigno Primitivo ha acini dimensione media, di forma Sferoidale, con buccia Buccia di medio spessore, Buccia molto pruinosa e di colore blu-nera.

      Primitivo - Caratteristiche del vino

      Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Primitivo sono:
      Il vino che si ottiene dal vitigno Primitivo è di colore Rosso rubino, intenso. Al palato è Caldo, Speziato, Fruttato, tannico.

      Primitivo - Caratteristiche colturali e produttive

      Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l'epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Primitivo le caratteristiche principali sono:
      Epoca maturazioneMaturazione precoce
      VigoriaVigoria moderata
      ProduttivitàProduttività elevata, Produttività irregolare
      Tipo allevamentoAlberello
      Sensibilità conosciuteSiccità, Clima caldo

      Argomenti correlati