L’Atlante delle Denominazioni di Origine di Quattrocalici

Primitivo di Manduria Dolce Naturale DOCG

primitivo-di-manduria-dolce-naturale-docg

Indice dei contenuti per la denominazione Primitivo di Manduria Dolce Naturale DOCG

La Denominazione

La denominazione di origine Primitivo di Manduria Dolce Naturale DOCG è riservata ai vini rossi passiti, prodotti con uve del vitigno Primitivo (100%).

Il territorio in cui ricade la zona di produzione della Primitivo di Manduria Dolce Naturale DOCG , a cavallo delle province di Taranto e Brindisi, è essenzialmente caratterizzato da due tipologie di paesaggio: l’Arco Jonico e la penisola Salentina. L’Arco Jonico  interessa maggiormente la zona costiera e si estende a partire dalla costa ionica fino ad arrivare alla base delle Murge, ad ovest fino alla Fossa Bradanica e ad est fino al contatto con il Salento Nord Occidentale. Il Salento o Penisola salentina risulta la tipologia predominante e si presenta come un territorio alquanto complesso in cui si alternano superfici quasi pianeggianti (nelle aree localizzate tra Lecce e Brindisi) a rilievi calcarei (serre salentine).

Le uve destinate alla produzione del Primitivo di Manduria Dolce Naturale DOCG possono essere sottoposte a pratiche di appassimento sulla pianta, su graticci, in cassette all’aperto o in locali anche dotati di sistemi per il controllo di temperatura e umidità, dotati anche eventualmente di ventilazione forzata.

Il Primitivo di Manduria Dolce Naturale DOCG è un vino di colore rosso rubino scuro e intenso,  con sfumature tendenti al granato; il suo profumo è ampio, complesso, talvolta con sentore di prugna; al palato è dolce, vellutato, caratteristico. Si abbina con dolci tradizionali e formaggi di lunga stagionatura, è anche un eccellente vino da meditazione.

Dettagli della denominazione

Creata nel2011
RegionePuglia
ProvincieTaranto, Brindisi
Tipo di denominazioneDOCG
MerceologiaVino

Vitigni

VitignoColore bacca
PrimitivoPrimitivoBacca nera

Argomenti correlati

  • Quattrocalici consiglia

  • Registrati su Quattrocalici

  • Segui Quattrocalici sui social

  • Le Regioni del Vino