Grechetto - La Guida dei Vitigni d'Italia

vitigno grechetto

Il vitigno Grechetto

Il vitigno Grechetto è probabilmente originario della Grecia, come tutti i vitigni che contengono "greco" nella radice del nome. E' Diffuso principalmente in Umbria e nelle zone limitrofe delle regioni centrali, ovvero Lazio, Toscana e Marche. Può comunque essere considerato un vitigno autoctono dell'Umbria o  più estesamente dell'Italia Centrale. Con il nome Grechetto in realtà si indicano più vitigni con caratteristiche ampelografiche leggermente diverse. Possiamo parlare essenzialmente di due ceppi, il Grechetto di Orvieto (clone g109), e il Grechetto di Todi (g5). Le recenti tecnologie hanno permesso analisi approfondite sul DNA che hanno fatto risultare un'identità tra il Grechetto di Todi e i vicini Pignoletto e Ribolla Riminese, mentre significativamente differenti risulterebbero Grechetto di Orvieto e Greco di Tufo, inizialmente sospettati di forte parentela. In generale quando si parla di Grechetto ci si riferisce al Grechetto di Orvieto.

Estratto dal catalogo vitigni

Nome varietà Codice varietà Sinonimi riconosciuti Autorizzato province Autorizzato regioni Raccomandato province Raccomandato regioni Anno ins. Gruppi
Grechetto B. 85 Abruzzo, Lazio, Marche, Toscana, Umbria 1970 Locali, Greci

Caratteristiche del vitigno Grechetto

Colore Bacca: Bianca

Caratteristiche varietali:

Il vitigno Grechetto ha foglia media, allungata, pentagonale, a volte quinquelobata o intera. Il suo grappolo è medio-piccolo, cilindrico-conico, serrato, a volte con ali. L'acino è medio, ovale, con buccia sottile ma consistente, di colore giallastro, ricoperta di pruina.

Coltura ed allevamento:

Caratteristiche produzione:

Il vitigno Grechetto ha produzione abbondante e necessita di potatura medio-lunga con forme di allevamento a media espansione.

Caratteristiche vino:

Dal vitigno Grechetto si producono vini giallo paglierino con riflessi verdolini, giallo dorati quelli prodotti con affianmento in legno. All'olfatto si presenta con aromi di mandorla amara e nocciola, evidente mineralità, sentori fruttati di pera, pesca e frutti esotici, sensazioni floreali di acacia, sambuco e biancospino.note di vaniglia e di tostato per i vini con affinamento in legno. In bocca è caratterizzato da sapidità e buona acidità.