La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Indice dei contenuti per il vitigno Tintilia

Il vitigno Tintilia

    Il vitigno Tintilia è quasi conosciuto esclusivamente nel Molise. Fino a poco tempo fa veniva confuso con varietà della famiglia del Bovale, presente in Sardegna, ma studi successivi hanno dimostrato l’infondatezza di queste tesi, e, dal 2002 la Tintilia è iscaritta al Registro nazionale varietà di vite da vino come varietà autorizzata per il solo Molise. Sembra che il suo nome derivi da “tinta”, cioè dalla intensa colorazione dei suoi mosti, che assumono toni violacei, quasi neri. Questo vitigno è stato oggetto di un progressivo abbandono e sostituzione col Montepulciano, data la sua scarsissima produttività, ma è stato recentemente riscoperto per la sua capacità di dare vini di elevata qualità. E’ un vitigno che sa dare al vino colore, profumi, struttura, buona acidità e tannino elegante. Per questo motivo è molto verstatile e si possono trovare prodotti sia freschi e beverini che strutturati ed eleganti.

    Tintilia

    Informazioni generali sul vitigno Tintilia

      Colore baccaBacca nera
      Categoria vitigniVitigni autoctoni
      Anno di registrazione2003
      Autorizzato regioniMolise

      Ampelografia

      Caratteristiche della foglia

      Foglia media, Pentagonale, Orbicolare, Pentalobata, Eptalobata.

      Caratteristiche del grappolo

      Spargolo, Grappolo medio.

      Caratteristiche dell'acino

      piccoli, con buccia Buccia di medio spessore, Buccia molto pruinosa e di colore blu-nera.

      Caratteristiche vino

      Il vino che si ottiene dal vitigno Tintilia è di colore Rosso rubino con riflessi violacei. Al palato è Caldo, Erbaceo, Fruttato, tannico, .

      Caratteristiche colturali e produttive

      Denominazioni di riferimento

      Argomenti correlati


      • Quattrocalici consiglia

      • Registrati su Quattrocalici

      • Il Blog di Quattrocalici

        Quaderno di degustazione - My Wines

        Come compilare la scheda di degustazione per un vino

        La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
      • Segui Quattrocalici sui social

      • Le Regioni del Vino