La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Carignano e i suoi vini

    Il Carignano è un vitigno autoctono della Sardegna, a bacca nera. Di probabili origini spagnole, il Carignano è giunto in Sardegna durante il dominio degli Aragonesi nel 1300. In Spagna è chiamato Cariñena, in Francia (dove è presente nel Midi e in LangedocRossillon), Carignan. Il suo colore, l’alcolicità e la struttura lo rendono un ottimo vino da taglio e i francesi la descrivono come un’uva fantastica quantitativamente ma di scarsa personalità. Queste caratteristiche hanno comunque fatto sì che il Carignano sia una delle uve tra le più piantate oltralpe, soprattutto al sud, nel Languedoc, nonostante gli incentivi allo sradicamento a favore di uve qualitativamente migliori. In Sardegna, gli impianti più recenti, a controspalliera e caratterizzati da maggiore attenzione alla qualità, hanno portato a discreti risultati e alla creazione della DOC Carignano del Sulcis.

    carignano vitigno

    Il Carignano apporta ai vini colore, tannini e acidità, ma difficilmente aromi ed eleganza. I suoi vini sono scarsi in profumi e gusto e la forte acidità lo rende difficile da apprezzare da giovane. Inoltre non evolve con la maturazione e resta quindi anonimo anche invecchiando. Come se non bastasse, il Carignano è anche difficile da coltivare, molto sensibile allo oidio, alla peronospora, al marciume e spesso soggetta agli attacchi dei parassiti. La raccolta meccanizzata è difficile per la saldezza con cui i grappoli sono attaccati ai tralci e anche per quest osi preferisce coltivarla ad alberello anziché in spalliera. E’ di germogliazione e maturazione tardiva, cosa che lo rende adatto all’allevamento nelle zone meridionali, mentre in al nord fatica a svilupparsi. L’enorme produttività del Carignano poteva avere un senso quando c’era richiesta di vini a basso prezzo, ma oggigiorno, con la tendenza a bere meno e meglio, non porta più alcun vantaggio, ma le estensioni vitate del Carignano sono cosi numerose che la sua presenza rimane ancora notevole. In Sardegna, grazie alla macerazione carbonica, riesce a dare vini novelli discreti, robusti e saporiti, ma la sua estensione vitata va  sempre più calando.

    Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
    Facebook
    Pin on Pinterest
    Pinterest
    Tweet about this on Twitter
    Twitter
    Share on LinkedIn
    Linkedin

    Informazioni generali sul vitigno Carignano

      Il vitigno Carignano è uno dei  Vitigni autoctoni a Bacca nera della regione Sardegna, registrato ufficialmente dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 1645 ha.
      Colore baccaBacca nera
      Categoria vitigniVitigni autoctoni
      Superfice vitata nazionale1645 ha
      Anno di registrazione1970
      Autorizzato regioniLazio, Marche, Sicilia, Toscana, Umbria
      Raccomandato regioniSardegna

      Carignano - Ampelografia del vitigno

      Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l'aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Carignano sono:

      Caratteristiche della foglia

      Il vitigno Carignano ha Foglia media, Pentagonale.

      Caratteristiche del grappolo

      Il vitigno Carignano ha Grappolo compatto, Grappolo medio. Ali nel grapppolo: 1-2 ali.

      Caratteristiche dell'acino

      Il vitigno Carignano ha acini dimensione media, di forma Obovoidale, con buccia Buccia molto pruinosa, Buccia di medio spessore e di colore blu-nera.

      Carignano - Caratteristiche del vino

      Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Carignano sono:
      Il vino che si ottiene dal vitigno Carignano è di colore Rosso rubino, intenso. Al palato è Fruttato, vinoso, Erbaceo, Caldo, persistente.

      Carignano - Caratteristiche colturali e produttive

      Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l'epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Carignano le caratteristiche principali sono:

      Carignano - Il Vino e le Denominazioni di riferimento

      Nel Database dei Vitigni di Quattrocalici sono raccolti i dati relativi a tutti i vitigni che risultano menzionati esplicitamente in almeno una denominazione di origine DOP o IGP italiana. Il vitigno Carignano risulta essere menzionato nel disciplinare delle seguenti denominazioni:
      DenominazioneTipo denominazioneRegione
      Carignano del Sulcis DOCDOCSardegna
      Sicilia DOCDOCSicilia

      Argomenti correlati


      • Registrati su Quattrocalici

      • Il Blog di Quattrocalici

        Quaderno di degustazione - My Wines

        Come compilare la scheda di degustazione per un vino

        La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
      • My Wines – Quaderno per le Degustazioni

        My Wines - Quaderno di Degustazione