L’Atlante delle Denominazioni di Origine di Quattrocalici

Carignano del Sulcis DOC


La Denominazione Carignano del Sulcis DOC

La denominazione Carignano del Sulcis DOC si trova in Sardegna  ed è stata introdotta nel giugno 1977. La denominazione comprende i vini rossi e rosati prodotti con il vitigno Carignano, coltivato nell’a porzione sud-occidentale dell’isola. Questa varietà ricca di carattere arrivò sia in Sardegna che in Provenza dalla Spagna orientale. La Sardegna possiede infatti da sempre rotte commerciali con la Francia meridionale, soprattutto attraverso la Corsica ed è stata anche assoggettata alla casa spagnola di Aragona durante il tardo Medioevo e nel periodo del Rinascimento. Il Sulcis è la zona costiera che si trova dirimpetto alla città di Sant’Antioco, fondata dai Fenici il nome originario era Solki, che alla fine divenne Sulcis. La denominazione Carignano del Sulcis DOC comprende dunque l’isola di Sant’Antioco, la quarta isola più grande d’Italia (dopo la Sicilia, l’ Elba e la Sardegna stessa), collegata alla terraferma da una strada rialzata e da un ponte. Sull’isola si coltiva un numero rispettabile di viti, in particolare nell’angolo nord-orientale, compresa tra le città di Sant’Antioco e Calasetta. Qui, l’estremità settentrionale del Golfo di Palmas separa l’isola dalla terraferma sarda e la vicinanza del mare fornisce le brezze che rinfrescano quelli che sono i vigneti più meridionali della Sardegna. Alla latitudine di 38 gradi nord, il Sulcis è una delle regioni viticole più meridionali in Europa, posto alla stessa latitudine della Murcia nel sud della Spagna, di Alentejo in Portogallo e della Calabria in Italia. Il vino Carignano del Sulcis DOC può provenire da uno o più dei 18 comuni specificati nel disciplinare, posti quasi tutti nel territorio della ex provincia di Carbonia-Iglesias, ora inglobata nella nuova provincia Sud Sardegna. L’area di competenza della denominazione si estende nel territorio della ex provincia di Cagliari, in particolare intorno a Teulada, ma la stragrande maggioranza delle uve viene coltivata più vicino al Sulcis stesso. I vini della denominazione, rossi e rosati, sono disponibili anche nelle tipologie riserva, superiore, novello e passito. Non esiste una tipologia liquoroso come in molti altri vini DOC sardi (ad esempio il Girò di Cagliari DOC). I vini Carignano del Sulcis riserva vengono sottoposti a due anni di invecchiamento, di cui almeno sei mesi in bottiglia, requisito ridotto a tre mesi per i vini rossi base. La tipologia superiore deve essere ottenuta da uve coltivate su vitigni allevati con il tradizionale metodo ad Alberello Latino. La tipologia rosato  e il novello possono avere un titolo alcolometrico svolto di 11% in volume, rispetto al 12,5% delle altre tipologie. Il passito deve essere ottenuto da uve appassite naturalmente e pigiate tra il 10 ottobre e il 31 marzo successivo alla vendemmia. Inoltre, il passito deve aver subito un invecchiamento di almeno nove mesi (a partire dal 1° maggio dopo la raccolta), di cui tre mesi in bottiglia. Il contenuto alcolico minimo deve essere del 16% in volume.

Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
Facebook
Pin on Pinterest
Pinterest
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

I Dettagli della denominazione Carignano del Sulcis DOC

Creata nel1977
RegioneSardegna
ProvincieCarbonia-Iglesias, Cagliari
Tipo di denominazioneDOC
MerceologiaVino

Il disciplinare della denominazione Carignano del Sulcis DOC

Il link rimanda alla pagina del disciplinare della denominazione Carignano del Sulcis DOC, con il pdf della versione aggiornata del disciplinare

I Vitigni della denominazione Carignano del Sulcis DOC

Nella tabella riportiamo i vitigni che rientrano nella composizione ampelografica delle tipologie di vino della denominazione Carignano del Sulcis DOC. I link rimandano alle pagine dedicate alle singole varità della Guida ai Vitigni d'Italia di Quattrocalici.
VitignoColore bacca
Carignanocarignano vitignoBacca nera

Le Tipologie vini della denominazione Carignano del Sulcis DOC

I disciplinari delle denominazioni di origine dei vini prevedono una o più "Tipologie di vino" coperte nell'ambito della stessa denominazione. La tabella riporta tutte le tipologie previste dalla denominazione Carignano del Sulcis DOC, ottenute vinificando le uve dei vitigni autorizzati nell'ambito della stessa denominazione. I link rimandano alle pagine dedicate alle singole tipologie di vino, nelle quali si possono trovare tutti i dettagli relativi ai procedimenti di vinificazione e alle caratteristiche organolettiche dei vini.

I produttori nel territorio della denominazione Carignano del Sulcis DOC

Nella tabella riportiamo l'elenco dei produttori di vino la cui cantina si trova all'interno del territorio di pertinenza della denominazione Carignano del Sulcis DOC. Per consultare l'elenco dei vini di ciascun produttore, seguire il link che porta alla pagina ad esso dedicata nella Guida Vini di Quattrocalici

Argomenti correlati

  • Registrati su Quattrocalici

  • Il Blog di Quattrocalici

    Quaderno di degustazione - My Wines

    Come compilare la scheda di degustazione per un vino

    La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
  • Le Regioni del Vino

  • My Wines – Quaderno per le Degustazioni

    My Wines - Quaderno di Degustazione