Avarengo - La Guida dei Vitigni d'Italia

vitigno avarengo

Il vitigno Avarengo

Il vitigno Avarengo è autoctono della della zona del Pinerolese, ormai quasi scomparso a causa della bassa e difficile produttività. Il Di Rovasenda lo ha citato in una pubblicazione del 1877 come vitigno del Pinerolese. Deve il suo nome proprio alla scarsezza (avarizia) della sua produzione. Un tempo l'uva nera prodotta da questo vitigno veniva consumata a tavola o per cure diuretiche, poi fu successivamente utilizzata anche per la produzione per il vino. Attualmente presente solo nella denominazione tipologia Ramie della DOC Pinerolese.

Estratto dal catalogo vitigni

Nome varietà Codice varietà Sinonimi riconosciuti Autorizzato province Autorizzato regioni Raccomandato province Raccomandato regioni Anno ins. Gruppi
Avarengo N. 18 Piemonte 1970 Autoctoni

Caratteristiche del vitigno Avarengo

Colore Bacca: Nera

Caratteristiche varietali:

Il vitigno Avarengo ha le seguenti caratteristiche varietali:

  • Foglia: medio-piccola, pentagonale, quinquelobata, a volte con i lobi inferiori appena accennati
  • Grappolo: medio-grande, conico-piramidale, con 2 o 3 ali, abbastanza compatto
  • Acino: medio, sferoidale Buccia: resistente, ricoperta di pruina, di colore nero-blu

Coltura ed allevamento:

Il vitigno Avarengo necessita di potatura lunga per equilibrare il suo vigore vegetativo, quindi predilige forme di allevamento espanse.

Caratteristiche produzione:

Il vitigno Avarengo ha vigoria elevata, epoca di maturazione precoce. La sua produttività è bassa ed irregolare, è soggetto a colatura.

Caratteristiche vino:

Il vitigno Avarengodà un vino di colore rosso rubino non molto intenso. Al naso è delicato con sfumature di piccoli frutti rossi e mandorle. Raramente vinificato in purezza, anche per le modeste rese è presente in genere in uvaggio con Neretta e Barbera

Denominazioni in cui il vitigno è presente


DOC