La guida ai vitigni di Quattrocalici

Neretta Cuneese

Il vitigno Neretta Cuneese e i suoi vini

neretta cuneese vitigno

La Neretta cuneese è un vitigno autoctono della provincia di Cuneo, anche se la genericità del nome, che si riferisce al colore delle bacche, induce a sinonimie improprie e confusione di vitigni. E’ attualmente poco utilizzata in purezza, e la si trova per lo più in uvaggio con altre varietà del luogo, spesso anch’esse autoctone, quali l’Avanà. La Neretta cuneese è comunque presente in tutto il Piemonte, sia nelle aree più decisamente vocate alla viticoltura, che in quelle più marginali. La maggiore estensione di Neretta cuneese si ha comunque sui colli e nelle piane alluvionali del Cuneese, del Saluzzese e del Pinerolese, oltre che in Valle di Susa. La Neretta cuneese è quasi sempre in vigneti plurivarietali e pertanto viene raramente vinificata in purezza, ma piuttosto mescolata con altri vitigni locali, dove costituisce spesso la parte preponderante per l’elevata produttività.

Dal punto di vista ampelografico, la Neretta cuneese ha foglia medio-grande o grande, da pentagonale a cuneiforme, a 3, più raramente 5 lobi. Il suo grappolo ha dimensione  da medio a grande, cilindrico con ali ben evidenti, molto compatto. L’acino è grande, da sferoidale a ellissoidale corto, con buccia molto pruinosa, piuttosto spessa, di colore blu-nero con sfumatura grigiastra per l’abbondante pruina. La Neretta cuneese è un vitigno dal vigore moderato, ma dalla fertilità e dalla produttività molto elevate e costanti. Questa è la ragione della sua diffusione in tutte le aree viticole più o meno marginali. Per contro, anche se ha maturazione non particolarmente tardiva, quando il carico produttivo per ceppo è eccessivo, produce uve dal modesto valore qualitativo per il limitato contenuto zuccherino e la scarsa colorazione.

neretta cuneese vitigno

La Neretta cuneese è un vitigno autoctono della provincia di Cuneo, anche se la genericità del nome, che si riferisce al colore delle bacche, induce a sinonimie improprie e confusione di vitigni. E’ attualmente poco utilizzata in purezza, e la si trova per lo più in uvaggio con altre varietà del luogo, spesso anch’esse autoctone, quali l’Avanà. La Neretta cuneese è comunque presente in tutto il Piemonte, sia nelle aree più decisamente vocate alla viticoltura, che in quelle più marginali. La maggiore estensione di Neretta cuneese si ha comunque sui colli e nelle piane alluvionali del Cuneese, del Saluzzese e del Pinerolese, oltre che in Valle di Susa. La Neretta cuneese è quasi sempre in vigneti plurivarietali e pertanto viene raramente vinificata in purezza, ma piuttosto mescolata con altri vitigni locali, dove costituisce spesso la parte preponderante per l’elevata produttività.

Dal punto di vista ampelografico, la Neretta cuneese ha foglia medio-grande o grande, da pentagonale a cuneiforme, a 3, più raramente 5 lobi. Il suo grappolo ha dimensione  da medio a grande, cilindrico con ali ben evidenti, molto compatto. L’acino è grande, da sferoidale a ellissoidale corto, con buccia molto pruinosa, piuttosto spessa, di colore blu-nero con sfumatura grigiastra per l’abbondante pruina. La Neretta cuneese è un vitigno dal vigore moderato, ma dalla fertilità e dalla produttività molto elevate e costanti. Questa è la ragione della sua diffusione in tutte le aree viticole più o meno marginali. Per contro, anche se ha maturazione non particolarmente tardiva, quando il carico produttivo per ceppo è eccessivo, produce uve dal modesto valore qualitativo per il limitato contenuto zuccherino e la scarsa colorazione.

neretta cuneese
Neretta Cuneese

Informazioni generali sul vitigno

Il vitigno Neretta Cuneese è uno dei  Vitigni autoctoni a Bacca nera presenti principalmente nelle regioni Piemonte e registrato ufficialmente nel Catalogo nazionale varietà di vite dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 130 ha.
Colore baccaBacca nera
Categoria vitigniVitigni autoctoni
Regioni Italiane principaliPiemonte
Superfice vitata nazionale130 ha
Anno di registrazione1970
Autorizzato regioniPiemonte
Neretta Cuneese

Ampelografia del vitigno

Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l’aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Neretta Cuneese sono:
Caratteristiche della foglia

Il vitigno Neretta Cuneese ha Foglia media, Foglia grande, Foglia cuneiforme, Foglia pentagonale, Foglia pentalobata, Foglia trilobata.

Caratteristiche del grappolo

Il vitigno Neretta Cuneese ha Grappolo molto compatto, Grappolo medio, Grappolo cilindrico. Ali nel grapppolo: .

Caratteristiche dell'acino

Il vitigno Neretta Cuneese ha acini , di forma Acini elissoidali, Acini sferoidali, con buccia Buccia pruinosa, Buccia spessa e di colore Buccia blu-nera.

Neretta Cuneese

Caratteristiche del vino

Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Neretta Cuneese sono:

Il vino che si ottiene dal vitigno Neretta Cuneese è di colore Rosso rubino, . Al palato è magro.

Neretta Cuneese

Caratteristiche colturali e produttive

Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l’epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Neretta Cuneese le caratteristiche principali sono:
Neretta Cuneese

Il vino e le Denominazioni di riferimento

Nel Database dei Vitigni di Quattrocalici sono raccolti i dati relativi a tutti i vitigni che risultano menzionati esplicitamente in almeno una denominazione di origine DOP o IGP italiana. Il vitigno Neretta Cuneese risulta essere menzionato nel disciplinare delle seguenti denominazioni:
DenominazioneTipo denominazioneRegione
Valsusa DOCDOCPiemonte

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.