La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Prié blanc e i suoi vini

    Il Prié blanc è un vitigno autoctono valdostano a bacca bianca le cui origini sono tuttora incerte. Potrebbe provenire dalla zona della Savoia o del Vallese, ma in ogni caso la sua presenza nel territorio della Valle d’Aosta data da lunghissimo tempo, ed è qui che il vitigno ha subito le mutazioni genetiche che lo hanno portato ad assumere le caratteristiche attuali. La zona di coltivazione del Prié blanc è quella di Morgex e La Salle, dove tra terrazzamenti e muretti a secco il vitigno viene coltivato a un’altitudine tra i 900 e i 1.200 metri, superando quasi il limite riconosciuto per la coltivazione della vite, in quelle che sono le vigne più alte d’Europa, poste sulla riva sinistra della Dora Baltea, tra terrazzamenti e muretti a secco. Il Prié blanc ha un ciclo vegetativo molto breve, germogliando tardi in primavera e maturando precocemente, a inizio settembre.

    prie blanc vitigno

    Riesce così a sfuggire alle gelate primaverili e ad evitare le prime nevi. La forma di allevamento tradizionale per il Prié blanc è una versione ribassata della pergola, che permette di proteggere i grappoli dal vento e consente loro di assorbire di notte il calore accumulato dal terreno di giorno. L’altitudine elevata riduce al minimo la necessità di trattamenti e l’uso di pesticidi. All’inizio del secolo scorso essa ha anche consentito ai vigneti di Prié blanc di essere immuni all’attacco della fillossera e ancor oggi molte viti di Prié blanc a Morgex e La Salle sono su piede franco. Il mosto del Prié blanc è caratterizzato dalla spiccata acidità, rendendolo adatto sia all’appassimento che alla spumantizzazione. Infatti il suo vino è prodotto sia nella versione ferma che spumantizzata con il metodo classico. Inoltre con il Prié blanc viene prodotto un vino di ghiaccio da uve vendemmiate a fine dicembre quando la temperatura è sotto lo zero. Il vino Blanc de Morgex et de La Salle è un Prié blanc in purezza. Ha colore giallo paglierino con riflessi verdolini e al naso profuma di erbe di montagna e fieno, su di un sottofondo di caratteristica mineralità. Al palato si contraddistingue per la sua marcata acidità. E’ ottimo come aperitivo e si abbina molto bene ad antipasti  o a piatti di pesce con cotture semplici e sapori leggeri.

    Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
    Facebook
    Pin on Pinterest
    Pinterest
    Tweet about this on Twitter
    Twitter
    Share on LinkedIn
    Linkedin

    Informazioni generali sul vitigno Prié blanc

      Il vitigno Prié blanc è uno dei  Vitigni autoctoni a Bacca bianca della regione Valle d’Aosta, registrato ufficialmente dal 1981. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 35 ha.
      Colore baccaBacca bianca
      Categoria vitigniVitigni autoctoni
      Regioni Italiane principaliValle d’Aosta
      Superfice vitata nazionale35 ha
      Anno di registrazione1981
      Raccomandato regioniValle d’Aosta

      Prié blanc - Ampelografia del vitigno

      Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l'aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Prié blanc sono:

      Caratteristiche della foglia

      Il vitigno Prié blanc ha Foglia media, Foglia piccola, Pentalobata, Trilobata.

      Caratteristiche del grappolo

      Il vitigno Prié blanc ha Grappolo compatto, Grappolo mediamente compatto, Grappolo medio, Grappolo cilindrico, Grappolo conico. Ali nel grapppolo: 1 ala.

      Caratteristiche dell'acino

      Il vitigno Prié blanc ha acini dimensione media, piccoli, di forma Sferoidale, con buccia Buccia poco pruinosa, sottile e di colore verde-gialla.

      Prié blanc - Caratteristiche del vino

      Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Prié blanc sono:
      Il vino che si ottiene dal vitigno Prié blanc è di colore Giallo paglierino con riflessi verdolini. Al palato è fresco, Fruttato, Erbaceo.

      Prié blanc - Caratteristiche colturali e produttive

      Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l'epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Prié blanc le caratteristiche principali sono:

      Prié blanc - Il Vino e le Denominazioni di riferimento

      Nel Database dei Vitigni di Quattrocalici sono raccolti i dati relativi a tutti i vitigni che risultano menzionati esplicitamente in almeno una denominazione di origine DOP o IGP italiana. Il vitigno Prié blanc risulta essere menzionato nel disciplinare delle seguenti denominazioni:

      I Libri di Quattrocalici

      my wines quaderno degustazione

      My♥Wines

      Il Quaderno per le Degustazioni di Quattrocalici. Include 78 schede di degustazione da compilare seguendo il classico schema visivo/olfattivo/gustativo/abbinamenti e una Guida introduttiva alla degustazione semplice e schematica per chi si avvicina per la prima volta alla degustazione, ma che può servire da promemoria per i degustatori più esperti.

      conoscere il vino - il libro

      Conoscere il Vino  - Il Libro

      "Conoscere il Vino" raccoglie in un volume di 300 pagine tutto quello che c'è da sapere su questa affascinante materia. Una guida completa al vino, 20 Schede Regionali dei vini d'Italia, 14 Schede Nazionali dei principali paesi produttori di vino del mondo, 99 Schede dettagliate dei più importanti vini Italiani, di cui 10 spumanti, 37 bianchi, 35 rossi, 7 rosati e 10 vini da dessert. Il modo più efficace per acquisire una cultura di base sul vino.

      • Registrati su Quattrocalici

      • Il Blog di Quattrocalici

        Quaderno di degustazione - My Wines

        Come compilare la scheda di degustazione per un vino

        La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...