La guida ai vitigni di Quattrocalici

Lambrusco di Sorbara

Il vitigno Lambrusco di Sorbara e i suoi vini

lambrusco di sorbara vitigno

Il vitigno Lambrusco di Sorbara è varietà autoctona di antiche origini, che deriva dall’addomesticamento di viti selvatiche (Vitis Labrusca, citata anche da Plinio il Vecchio), dette anche “uzeline” o “oseline” per il fatto che, crescendo spontaneamete al limitare dei boschi, venivano depredate dagli uccelli che ne erano ghiotti. Questa sua natura un po’ selvatica si ritrova ancora oggi nei caratteri peculiari del vino, caratterizzato da una notevole acidità e da un gusto dai sentori asprigni.Il Lambrusco di Sorbara prende il suo nome dalla frazione di Sorbara del comune di Bomporto, in provincia di Modena. La zona classica e storicamente più vocata si trova compresa tra i fiumi Panaro e Secchia. Si tratta di un’area con terreni di carattere prevalentemente alluvionale, caratterizzata da suoli sabbiosi, generati da antichi depositi fluviali.

Il Lambrusco di Sorbara è un vitigno vigoroso e produttivo con una maturazione medio tardiva. E’ caratterizzato dal fenomeno dell’acinellatura (i chicchi rimangono del diametro di pochi millimetri) e ciò è dovuto ad una anomalia floreale che provoca una sensibile perdita di prodotto (in alcune annate si verificano perdite produttive che superano i due terzi del raccolto). E’ ormai appurato che questo fenomeno, tipico del Lambrusco di Sorbara, sia provocato soprattutto dalla sterilità del polline. Questa particolare caratteristica del Lambrusco di Sorbara  contribuisce a renderlo un vitigno unico, facile da ricordare e soprattutto pregiato, una peculiarità che lo contraddistingue tra tutti gli altri vitigni della famiglia dei Lambruschi. Il vino del Lambrusco di Sorbara ha un colore rosso rubino brillante, con una spuma rosata. Il bouquet è fragrante ed esprime profumi floreali di viola e aromi di ciliegia, fragola e frutta rossa. Il sorso è fresco, fruttato, equilibrato e armonioso, con finale sapido.

lambrusco di sorbara vitigno

Il vitigno Lambrusco di Sorbara è varietà autoctona di antiche origini, che deriva dall’addomesticamento di viti selvatiche (Vitis Labrusca, citata anche da Plinio il Vecchio), dette anche “uzeline” o “oseline” per il fatto che, crescendo spontaneamete al limitare dei boschi, venivano depredate dagli uccelli che ne erano ghiotti. Questa sua natura un po’ selvatica si ritrova ancora oggi nei caratteri peculiari del vino, caratterizzato da una notevole acidità e da un gusto dai sentori asprigni.Il Lambrusco di Sorbara prende il suo nome dalla frazione di Sorbara del comune di Bomporto, in provincia di Modena. La zona classica e storicamente più vocata si trova compresa tra i fiumi Panaro e Secchia. Si tratta di un’area con terreni di carattere prevalentemente alluvionale, caratterizzata da suoli sabbiosi, generati da antichi depositi fluviali.

Il Lambrusco di Sorbara è un vitigno vigoroso e produttivo con una maturazione medio tardiva. E’ caratterizzato dal fenomeno dell’acinellatura (i chicchi rimangono del diametro di pochi millimetri) e ciò è dovuto ad una anomalia floreale che provoca una sensibile perdita di prodotto (in alcune annate si verificano perdite produttive che superano i due terzi del raccolto). E’ ormai appurato che questo fenomeno, tipico del Lambrusco di Sorbara, sia provocato soprattutto dalla sterilità del polline. Questa particolare caratteristica del Lambrusco di Sorbara  contribuisce a renderlo un vitigno unico, facile da ricordare e soprattutto pregiato, una peculiarità che lo contraddistingue tra tutti gli altri vitigni della famiglia dei Lambruschi. Il vino del Lambrusco di Sorbara ha un colore rosso rubino brillante, con una spuma rosata. Il bouquet è fragrante ed esprime profumi floreali di viola e aromi di ciliegia, fragola e frutta rossa. Il sorso è fresco, fruttato, equilibrato e armonioso, con finale sapido.

vitigno lambrusco di sorbara
Lambrusco di Sorbara

Informazioni generali sul vitigno

Il vitigno Lambrusco di Sorbara è uno dei  Vitigni locali a Bacca nera presenti principalmente nelle regioni Emilia-Romagna e registrato ufficialmente nel Catalogo nazionale varietà di vite dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 1610 ha.
Colore baccaBacca nera
Categoria vitigniVitigni locali
Regioni Italiane principaliEmilia-Romagna
Superfice vitata nazionale1610 ha
Famiglia vitigniLambruschi
Anno di registrazione1970
Autorizzato provinceTreviso
Autorizzato regioniEmilia-Romagna, Lombardia
Lambrusco di Sorbara

Ampelografia del vitigno

Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l’aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Lambrusco di Sorbara sono:
Caratteristiche della foglia

Il vitigno Lambrusco di Sorbara ha Foglia media, Foglia orbicolare, Foglia pentagonale, Foglia trilobata.

Caratteristiche del grappolo

Il vitigno Lambrusco di Sorbara ha Grappolo spargolo, Grappolo medio, Grappolo piramidale. Ali nel grapppolo: 1 ala.

Caratteristiche dell'acino

Il vitigno Lambrusco di Sorbara ha acini Acini di dimensione media, di forma Acini sub-sferoidali, con buccia Buccia molto pruinosa, Buccia consistente, Buccia spessa e di colore Buccia blu-nera.

Lambrusco di Sorbara

Caratteristiche del vino

Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Lambrusco di Sorbara sono:

Il vino che si ottiene dal vitigno Lambrusco di Sorbara è di colore Rosso rubino, . Al palato è Fresco, vinoso, Floreale, Fragrante.

Lambrusco di Sorbara

Caratteristiche colturali e produttive

Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l’epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Lambrusco di Sorbara le caratteristiche principali sono:
Lambrusco di Sorbara

Il vino e le Denominazioni di riferimento

Nel Database dei Vitigni di Quattrocalici sono raccolti i dati relativi a tutti i vitigni che risultano menzionati esplicitamente in almeno una denominazione di origine DOP o IGP italiana. Il vitigno Lambrusco di Sorbara risulta essere menzionato nel disciplinare delle seguenti denominazioni:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.