La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Cavrara e i suoi vini

    Il vitigno Cavrara, è un autoctono del Veneto, più precisamente della zona dell’alto vicentino. Le prime notizie di un vino chiamato “Cavraio” prodotto in questa zona risalgono comunque già al 1700. Le “Cavrare” (se ne contano diverse varietà, cui sono attribuiti nomi locali, come  Cavrara di Monte, Cavrara del picciuolo verde, Cavrara della Madonna) sono riportate già all’inizio dell’800 nella zona nord della provincia di Vicenza, compresa tra Bassano e Marostica. All’inizio del secolo seguente troviamo il vitigno Cavrara diffuso anche in provincia di Padova e di Treviso. Dal secondo dopoguerra in poi la coltivazione di questi vitigni va via via scemando, soprattutto a causa della sua produttività incostante. Oggi è purtroppo in fase di estinzione, nonostante se ne ottengano vini con interessanti caratteristiche qualitative.

    cavrara vitigno

    Il grappolo del vitigno Cavrara è medio-largo, piramidale ed alato, non particolarmente compatto né spargolo. Gli acini sono medi, dalla buccia spessa di colore blu scuro. Il Cavrara è un vitigno resistente alle malattie (eccetto la peronospora) e sensibile alle gelate primaverili. Il vino che si ottiene vinificando il Cavrara in purezza è di colore rubino scuro, con intensi aromi fruttati (mirtillo e lampone) e buoni livelli di alcolicità e acidità, anche se non particolarmente strutturato.

    Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
    Facebook
    Pin on Pinterest
    Pinterest
    Tweet about this on Twitter
    Twitter
    Share on LinkedIn
    Linkedin

    Informazioni generali sul vitigno Cavrara

      Il vitigno Cavrara è uno dei  Vitigni autoctoni a Bacca nera della regione Veneto, registrato ufficialmente dal 2007. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 23 ha.
      Colore baccaBacca nera
      Categoria vitigniVitigni autoctoni
      Superfice vitata nazionale23 ha
      Anno di registrazione2007
      Autorizzato provincePadova, Vicenza

      Cavrara - Ampelografia del vitigno

      Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l'aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Cavrara sono:

      Caratteristiche della foglia

      Il vitigno Cavrara ha Foglia media, Pentagonale, Pentalobata.

      Caratteristiche del grappolo

      Il vitigno Cavrara ha Grappolo compatto, Grappolo mediamente compatto, Grappolo medio.

      Caratteristiche dell'acino

      Il vitigno Cavrara ha acini dimensione media, grandi, di forma Acini elissoidali, con buccia Buccia molto pruinosa, Buccia consistente, spessa e di colore blu-nera.

      Cavrara - Caratteristiche del vino

      Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Cavrara sono:
      Il vino che si ottiene dal vitigno Cavrara è di colore Rosso rubino, intenso. Al palato è Fruttato, Caldo, di corpo.

      Cavrara - Caratteristiche colturali e produttive

      Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l'epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Cavrara le caratteristiche principali sono:

      Cavrara - Il Vino e le Denominazioni di riferimento

      Nel Database dei Vitigni di Quattrocalici sono raccolti i dati relativi a tutti i vitigni che risultano menzionati esplicitamente in almeno una denominazione di origine DOP o IGP italiana. Il vitigno Cavrara risulta essere menzionato nel disciplinare delle seguenti denominazioni:

      Argomenti correlati


      • Registrati su Quattrocalici

      • Il Blog di Quattrocalici

        Quaderno di degustazione - My Wines

        Come compilare la scheda di degustazione per un vino

        La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
      • My Wines – Quaderno per le Degustazioni

        My Wines - Quaderno di Degustazione