La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Pignola e i suoi vini

    La Pignola, detta anche Pignola Valtellinese, è un vitigno autoctono della Valtellina, a bacca nera, presente soprattutto nei comuni di Villa di Tirano e Bianzone. La sua origine è molto antica e sembra provenire dal Piemonte. Il nome Pignola deriva dal fatto che il grappolo ricorda lontanamente una pigna, cosa che lo accomuna ad altri vitigni quali il Pignolo friulano o il Pinot nero. Con quest’ultimo, un ulteriore elemento di affinità è costituito dal fatto che la Pignola Valtellinese si presta ottimamente alla vinificazione in bianco. Infatti la polpa degli acini è perfettamente bianca, per cui una pressatura leggera consente di ottenere mosti privi di colore. In purezza, o con l’aggiunta di una quota di altre uve aromatiche, consente di realizzare inusuali vini bianchi, ma è anche base per gli spumanti metodo classico, che risultano cremosi, morbidi, incisivi e sapidi.

    pignola vitigno

    Vinificata in rosso, la Pignola Valtellinese entra nella composizione del vino Valtellina rosso DOC, per il quale viene utilizzata in uvaggio, in piccole percentuali unite al Nebbiolo. In purezza dà vita a vini rossi di assoluta personalità e originalità, che possono ricordare il Nebbiolo ma non mancano di avvicinarsi, per le note di piccoli frutti rossi e l’eleganza, al Pinot nero.

    Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
    Facebook
    Pin on Pinterest
    Pinterest
    Tweet about this on Twitter
    Twitter
    Share on LinkedIn
    Linkedin

    Informazioni generali sul vitigno Pignola

      Il vitigno Pignola è uno dei  Vitigni autoctoni a Bacca nera della regione Lombardia, registrato ufficialmente dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 50 ha.
      Colore baccaBacca nera
      Categoria vitigniVitigni autoctoni
      Superfice vitata nazionale50 ha
      Anno di registrazione1970
      Autorizzato provinceSondrio

      Pignola - Ampelografia del vitigno

      Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l'aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Pignola sono:

      Caratteristiche della foglia

      Il vitigno Pignola ha Foglia media, Pentagonale, Pentalobata, Trilobata.

      Caratteristiche del grappolo

      Il vitigno Pignola ha Grappolo molto compatto, Grappolo medio.

      Caratteristiche dell'acino

      Il vitigno Pignola ha acini dimensione media, piccoli, di forma Sferoidale, con buccia Buccia pruinosa, sottile e di colore blu-nera.

      Pignola - Caratteristiche del vino

      Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Pignola sono:
      Il vino che si ottiene dal vitigno Pignola è di colore Rosso rubino. Al palato è Caldo, Fruttato, tannico, di corpo.

      Pignola - Caratteristiche colturali e produttive

      Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l'epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Pignola le caratteristiche principali sono:
      Epoca maturazioneMaturazione tardiva
      VigoriaVigoria elevata

      Argomenti correlati