La guida ai vitigni di Quattrocalici

Erbamat

Il vitigno Erbamat e i suoi vini

vitigno erbamat

L’Erbamat è un antico vitigno autoctono del bresciano, a lungo dimenticato e solo recentemente riscoperto. L’Erbamat è presente soprattutto nell’area del lago di Garda e in Franciacorta, dove recentemente è entrato nella composizione ampelografica degli spumanti metodo classico Franciacorta DOCG. E’ una varietà dotata di spiccata acidità e dai profumi delicati, ideale per la spumantizzazione ma che può essere vinificata anche o come vino fermo, sia in blend con altri vitigni che in purezza. La recente venuta in auge dell’Erbamat è soprattutto dovuta alla necessità di inserire un vitigno le cui caratteristiche peculiari fossero funzionali all’esigenza  di far fronte all’andamento climatico ormai sotto gli occhi di tutti. Infatti anno dopo anno il clima vede l’innalzarsi delle temperature, soprattutto d’estate e la maturazione delle uve destinate alla spumantizzazione, in particolar modo dello Chardonnay, diventa sempre più critica.

Per evitare che l’eccessivo calore possa far surmaturare i grappoli di Chardonnay, privandoli dell’acidità necessaria alla spumantizzazione, le vendemmie vengono effettuate anno dopo anno sempre più precocemente. Sembra però che questo processo di riscaldamento, in particolare nella zona del lago di Iseo, sia inevitabile e che prima o poi non si potrà più anticipare ulteriormente la vendemmia. L’Erbamat, grazie alla sua epoca di maturazione tardiva e alla sua ricchezza in acido tartarico e malico, di cui lo Chardonnay risulta relativamente carente, sembra quindi essere almeno in parte una soluzione al problema, portando in aggiunta al vino una componente di autoctonicità che ne contribuisce alla differenziazione.

vitigno erbamat

L’Erbamat è un antico vitigno autoctono del bresciano, a lungo dimenticato e solo recentemente riscoperto. L’Erbamat è presente soprattutto nell’area del lago di Garda e in Franciacorta, dove recentemente è entrato nella composizione ampelografica degli spumanti metodo classico Franciacorta DOCG. E’ una varietà dotata di spiccata acidità e dai profumi delicati, ideale per la spumantizzazione ma che può essere vinificata anche o come vino fermo, sia in blend con altri vitigni che in purezza. La recente venuta in auge dell’Erbamat è soprattutto dovuta alla necessità di inserire un vitigno le cui caratteristiche peculiari fossero funzionali all’esigenza  di far fronte all’andamento climatico ormai sotto gli occhi di tutti. Infatti anno dopo anno il clima vede l’innalzarsi delle temperature, soprattutto d’estate e la maturazione delle uve destinate alla spumantizzazione, in particolar modo dello Chardonnay, diventa sempre più critica.

Per evitare che l’eccessivo calore possa far surmaturare i grappoli di Chardonnay, privandoli dell’acidità necessaria alla spumantizzazione, le vendemmie vengono effettuate anno dopo anno sempre più precocemente. Sembra però che questo processo di riscaldamento, in particolare nella zona del lago di Iseo, sia inevitabile e che prima o poi non si potrà più anticipare ulteriormente la vendemmia. L’Erbamat, grazie alla sua epoca di maturazione tardiva e alla sua ricchezza in acido tartarico e malico, di cui lo Chardonnay risulta relativamente carente, sembra quindi essere almeno in parte una soluzione al problema, portando in aggiunta al vino una componente di autoctonicità che ne contribuisce alla differenziazione.

erbamat vitigno
Erbamat

Informazioni generali sul vitigno

Il vitigno Erbamat è uno dei   a Bacca bianca presenti principalmente nelle regioni Lombardia e registrato ufficialmente nel Catalogo nazionale varietà di vite dal 2009. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 25 ha.
Colore baccaBacca bianca
Regioni Italiane principaliLombardia
Superfice vitata nazionale25 ha
Anno di registrazione2009
Autorizzato provinceBrescia
Autorizzato regioniLombardia
Erbamat

Ampelografia del vitigno

Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l’aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Erbamat sono:
Caratteristiche della foglia

Il vitigno Erbamat ha Foglia grande, Foglia pentagonale, Foglia pentalobata.

Caratteristiche del grappolo

Il vitigno Erbamat ha Grappolo molto compatto, Grappolo medio, Grappolo cilindrico, Grappolo conico. Ali nel grapppolo: Senza ali.

Caratteristiche dell'acino

Il vitigno Erbamat ha acini Acini piccoli, di forma Acini sferoidali, con buccia Buccia pruinosa, Buccia consistente, Buccia sottile e di colore Buccia verde-gialla.

Erbamat

Caratteristiche del vino

Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Erbamat sono:

Il vino che si ottiene dal vitigno Erbamat è di colore Giallo paglierino. Al palato è acidulo, sapido, Fruttato, Erbaceo.

Erbamat

Caratteristiche colturali e produttive

Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l’epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Erbamat le caratteristiche principali sono:
Epoca maturazioneMaturazione media, Maturazione tardiva
Richiede potaturaGuyot
VigoriaVigoria elevata
ProduttivitàProduttività discreta
Erbamat

Il vino e le Denominazioni di riferimento

Nel Database dei Vitigni di Quattrocalici sono raccolti i dati relativi a tutti i vitigni che risultano menzionati esplicitamente in almeno una denominazione di origine DOP o IGP italiana. Il vitigno Erbamat risulta essere menzionato nel disciplinare delle seguenti denominazioni:
DenominazioneTipo denominazioneRegione
Franciacorta DOCGDOCGLombardia

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.