La guida ai vitigni di Quattrocalici

Rossese

Il vitigno Rossese e i suoi vini

rossese vitigno

Il Rossese è un vitigno a bacca nera presente in Liguria. Le sue origini non sono certe. Sembra provenga dal sud della Francia, da dove è arrivato in Liguria al seguito dei Doria ed ha trovato nella zona di Dolceacqua il suo territorio di elezione. L’origine del nome sembra chiaramente riferirsi al colore delle sue bacche. La sua diffusione pressoché esclusiva nella Riviera Ligure di Ponente, vicino al confine con la Francia, sembra avvalorare questa tesi. Il Rossese di Dolceacqua DOC, la prima DOC assegnata alla Liguria nel 1972, è un’eccellenza enologica locale, prodotta solo in 11 comuni della riviera di Ponente, situati nella val Nervia e nella valle Crosia, a un’altitudine tra i 300 e i 600 metri sul livello del mare, in un territorio pedemontano con belle esposizioni ma difficile da coltivare.

Il Rossese dal punto di vista ampelografico si presenta con grappoli medio-grandi, di forma piramidale, alati, mediamente spargoli. Le sue bacche sono di dimensioni medie o medio-piccole, ellittiche, di colore blu che tende al nero e al violetto, abbastanza pruinose e con bucce mediamente spesse. Il sistema di allevamento tradizionale utilizzato per il Rossese è ad alberello, ma negli ultimi anni si sta progressivamente passando a sistemi più moderni e razionali, basati sulla spalliera. I vigneti si trovano sulle colline delle Prealpi liguri, tra i 300 e i 600 metri sul livello del mare, posti spesso in posizioni impervie e questo fa sì che tutte le operazioni in vigna siano manuali. La difficile morfologia del territorio è la probabile causa del fatto che il vitigno sia sempre rimasto confinato in quest’area. Le rese del Rossese sono abbastanza produttive e costanti e tra le avversità soffre la colatura e l’acinellatura. I vini del Rossese sono in generale di colore rubino chiaro, con profumi fruttati di marasca e struttura leggera, con tannini non particolarmente marcati.

vitigno rossese
Rossese

Informazioni generali sul vitigno

Il vitigno Rossese è uno dei  Vitigni autoctoni a Bacca nera presenti principalmente nelle regioni Liguria e registrato ufficialmente nel Catalogo nazionale varietà di vite dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 320 ha.
Colore baccaBacca nera
Categoria vitigniVitigni autoctoni
Regioni Italiane principaliLiguria
Superfice vitata nazionale320 ha
Anno di registrazione1970
Autorizzato regioniLiguria
Rossese

Ampelografia del vitigno

Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l’aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Rossese sono:
Caratteristiche della foglia

Il vitigno Rossese ha Foglia grande, Foglia media, Foglia pentagonale, Foglia eptalobata.

Caratteristiche del grappolo

Il vitigno Rossese ha Grappolo mediamente compatto, Grappolo spargolo, Grappolo medio, Grappolo piramidale. Ali nel grapppolo: 1-2 ali.

Caratteristiche dell'acino

Il vitigno Rossese ha acini Acini di dimensione media, Acini piccoli, di forma Acini elissoidali, con buccia Buccia pruinosa, Buccia di medio spessore e di colore blu-nera.

Rossese

Caratteristiche del vino

Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Rossese sono:

Il vino che si ottiene dal vitigno Rossese è di colore Rosso rubino. Al palato è Floreale, Speziato, di corpo.

Rossese

Caratteristiche colturali e produttive

Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l’epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Rossese le caratteristiche principali sono:
Rossese

Il vino e le Denominazioni di riferimento

Nel Database dei Vitigni di Quattrocalici sono raccolti i dati relativi a tutti i vitigni che risultano menzionati esplicitamente in almeno una denominazione di origine DOP o IGP italiana. Il vitigno Rossese risulta essere menzionato nel disciplinare delle seguenti denominazioni:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.