La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Pascale e i suoi vini

    Il vitigno Pascale ha origini sconosciute, anche se molti tendono ad attribuirgli provenienza dalla Toscana, dove frequentemente è chiamato “Giacomino“. Con lo stesso sinonimo il Pascale è noto anche in Gallura, terra che conosce la sua maggiore diffusione. E’ comune trovarlo nelle province di Sassari e di Nuoro, e viene spesso vinificato in assemblaggio con uve Cannonau e Cagnulari, raramente è vinificato in purezza. Il Pascale è del tutto assente nelle altre provincie ad eccezione di qualche ettaro vitato in quella di Cagliari. Il vitigno Pascale ha grappoli di grandi dimensioni, cilindrici e generalmente alati, con acini sempre grandi e buccia spessa con alte concentrazioni di pruina. Il loro colore è un denso violaceo tendente al nero. Il Pascale è un vitigno mediamente vigoroso e in grado di fornire delle alte rese con costanza.

    pascale vitigno

    Il Pascale non ha particolari esigenze di terreno e condizioni ambientali pur preferendo buone concentrazioni d’argilla senza però gradire l’eccessiva umidità del suolo. Il Pascale viene utilizzato sia in purezza che in assemblaggio con altre varietà a bacca nera come nel Mejlogu, in provincia di Sassari, assieme al Cannonau e al Cagnulari. Riesce ad apportare buone aromaticità al vino, che è abbinato agli arrosti ma viene spesso utilizzato anche come uva da tavola. In purezza il Pascale dà vini di un bel colore rosso rubino, con profumi delicati di frutta rossa fresca. Al palato sono più decisi che al naso, anche grazie ad una buona struttura tannica. Il Pascale si trova anche inserito nel disciplinare del Campidano di Terralba DOC.

    Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
    Facebook
    Pin on Pinterest
    Pinterest
    Tweet about this on Twitter
    Twitter
    Share on LinkedIn
    Linkedin

    Informazioni generali sul vitigno Pascale

      Il vitigno Pascale è uno dei  Vitigni locali a Bacca nera della regione Sardegna, registrato ufficialmente dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 340 ha.
      Colore baccaBacca nera
      Categoria vitigniVitigni locali
      Superfice vitata nazionale340 ha
      Anno di registrazione1970
      Raccomandato regioniSardegna

      Pascale - Ampelografia del vitigno

      Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l'aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Pascale sono:

      Caratteristiche della foglia

      Il vitigno Pascale ha Foglia media, grande, Orbicolare, Pentalobata, Trilobata.

      Caratteristiche del grappolo

      Il vitigno Pascale ha Grappolo mediamente compatto, Spargolo, Grappolo lungo, Grappolo cilindrico, Grappolo conico. Ali nel grapppolo: 0 o 1 ali.

      Caratteristiche dell'acino

      Il vitigno Pascale ha acini grandi, di forma Sferoidale, con buccia Buccia consistente, spessa e di colore blu-nera.

      Pascale - Caratteristiche del vino

      Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Pascale sono:
      Il vino che si ottiene dal vitigno Pascale è di colore Rosso rubino. Al palato è vinoso, tannico, fine.

      Pascale - Caratteristiche colturali e produttive

      Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l'epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Pascale le caratteristiche principali sono:

      Argomenti correlati