La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Glera e i suoi vini

    La Glera è il vitigno utilizzato per la produzione del vino Prosecco. Con il D.M. 21/07/2009 il vitigno precedentemente conosciuto come Prosecco ha preso il nome Glera, mentre veniva contestualmente creata la DOC Prosecco. L’operazione è stata finalizzata alla tutela delle denominazioni di origine del Prosecco. Il termine Prosecco riferito ad un vitigno e non a una denominazione avrebbe reso inefficace la sua tutela. La Glera è un vitigno storicamente diffuso in quasi tutte le province del Veneto. La sua coltivazione si è estesa negli ultimi anni anche al Friuli Venezia Giulia, soprattutto dopo l’istituzione della DOC Prosecco, anche se la sua terra di elezione rimane il Trevigiano e in particolar modo il complesso sistema collinare tra Conegliano e Valdobbiadene. La Glera è un vitigno dalle origini incerte, antico in quanto già coltivato in epoca romana.

    glera vitigno

    Una prima ipotesi vede la Glera originaria di Prosecco, un piccolo comune del Carso triestino, da cui si sarebbe poi spostato nella Marca Trevigiana per spingersi fino ai Colli Euganei. Un’altra ipotesi lo vede partire dai Colli Euganei (dove è diffuso sotto il nome di Serprino) e diffondersi gradualmente verso la Slovenia. La Glera è un’uva da spumantizzazione per eccellenza, base del Prosecco DOC, dell’Asolo DOCG e del Conegliano-Valdobbiadene Prosecco DOCG, oltre ad essere uno degli spumanti italiani più conosciuti, è anche uno dei vini più venduti al mondo. L’uva si esprime con note diverse a seconda delle condizioni climatiche e delle tipologie di terreno. Nell’area collinare di Valdobbiadene prevalgono le note floreali e quelle fruttate. In media collina, nell’area a sud di Vittorio Veneto, troviamo i sentori agrumati e la mela verde. Le note floreali e il fruttato fresco sono tipici delle zone con suoli sassosi e sciolti delle aree di pianura.

    Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
    Facebook
    Pin on Pinterest
    Pinterest
    Tweet about this on Twitter
    Twitter
    Share on LinkedIn
    Linkedin

    Informazioni generali sul vitigno Glera

      Il vitigno Glera è uno dei  Vitigni locali a Bacca bianca della regione Veneto, registrato ufficialmente dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 18300 ha.
      Colore baccaBacca bianca
      Categoria vitigniVitigni locali
      Superfice vitata nazionale18300 ha
      Anno di registrazione1970
      Autorizzato provinceGorizia, Pordenone, Trieste

      Glera - Ampelografia del vitigno

      Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l'aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Glera sono:

      Caratteristiche della foglia

      Il vitigno Glera ha Foglia media, grande, Cuneiforme, Pentagonale, Pentalobata, Trilobata.

      Caratteristiche del grappolo

      Il vitigno Glera ha Grappolo mediamente compatto, Spargolo, Grappolo medio, Grappolo piramidale. Ali nel grapppolo: 2 ali.

      Caratteristiche dell'acino

      Il vitigno Glera ha acini dimensione media, di forma Sferoidale, con buccia Buccia leggermente puntinata, Buccia pruinosa e di colore verde-gialla.

      Glera - Caratteristiche del vino

      Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Glera sono:
      Il vino che si ottiene dal vitigno Glera è di colore Giallo paglierino. Al palato è fresco, Fruttato.

      Glera - Caratteristiche colturali e produttive

      Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l'epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Glera le caratteristiche principali sono:
      Richiede potaturaPotatura lunga
      Tipo allevamentoControspalliera

      Argomenti correlati


      • Registrati su Quattrocalici

      • Il Blog di Quattrocalici

        Quaderno di degustazione - My Wines

        Come compilare la scheda di degustazione per un vino

        La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
      • My Wines – Quaderno per le Degustazioni

        My Wines - Quaderno di Degustazione