Apertura della bottiglia di vini fermi




Completata la presentazione del vino al cliente, la bottiglia va correttamente aperta. La sequenza per la corretta apertura delle bottiglie dei vini fermi è la seguente:

  • si usa il coltellino del cavatappi per per incidere la capsula al di sotto dell’anello e
  • si rimuove la parte superiore, che viene poi tolta dalla vista infilandola per esempio nella tasca del grembiule;
  • si pulisce il collo della bottiglia col tovagliolo di servizio;
  • si punta l’apice della spirale del cavatappi al centro del tappo;
  • lo si avvita il più possibile, avendo cura di non forare il tappo dalla parte opposta per non far cadere impurità all’interno della bottiglia;

L’estrazione del tappo va completata senza provocare rumori, infine si asciuga il collo della bottiglia con il tovagliolo di servizio;

Il tappo va annusato, ed in caso di dubbio relativamente ad eventuali difetti del vino, si passa alla degustazione per verificarne la presenza.
Il Sommelier versa poi una piccola quantità di vino nel bicchiere di degustazione ed in caso si problemi, provvede alla sostituzione della bottiglia. In caso di esito positivo, fa assaggiare una piccola quantità di vino al cliente per avere la sua approvazione e una volta ricevutala procede al servizio. In caso di esisto positivo dell’esame del tappo, a propria discrezione, il Sommelier può tralasciare di degustare personalmente il vino.

L'autore

Laureato in Chimica, Sommelier con interessi in campo biochimico ed enologico, appassionato di Enografia e storia del Vino e della Vite, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti che legano la produzione vitivinicola al territorio e alla vicende umane. Ha fondato Quattrocalici.it nel 2011 ed è l’autore della struttura e del progetto del portale, nonchè della struttura e dell’impostazione della maggior parte dei suoi contenuti. Fin da allora si occupa attivamente di marketing e comunicazione del vino e di divulgazione nel campo dell’enogastronomia.

Commenta questo contenuto