L’Atlante delle Denominazioni di Origine di Quattrocalici

Brunello di Montalcino DOCG

brunello-di-montalcino-docg


La Denominazione Brunello di Montalcino DOCG

Il Brunello di Montalcino è un’icona dell’enologia Italiana, un vino giustamente famoso ed apprezzato in tutto il mondo. La zona di produzione del Brunello di Montalcino è limitata al solo comune di Montalcino, in provincia di Siena, cosa che contribuisce, vista la limitata superficie vitata a disposizione, a renderlo un vino molto ricercato a livello mondiale.

Nel 1960 il Brunello di Montalcino è il promo vino ad essere insignito della DOC, e consegue la DOCG nel 1980. L’origine del  Brunello di Montalcino risale alla seconda metà dell’800, quando Ferruccio Santi di Montalcino selezionò ed incominciò a vinificare uve di una varietà di  Sangiovese conosciuta localmente come “Brunello” per via del colore scuro degli acini.

La resa massima dell’uva è di 80 quintali per ettaro mentre, per quanto riguarda la resa in vino, la percentuale stabilita dal disciplinare di produzione è del 68%. È consentito, inoltre, specificare sull’etichetta da quale zona del territorio in particolare (“Vigna”, ad esempio) provengano le uve utilizzate per la vinificazione.

Il Brunello di Montalcino DOCG richiede lunghi periodi di invecchiamento prima della messa in commercio: cinque anni dal momento della vendemmia (che diventano sei per la versione “riserva“) di cui almeno due anni in botti di rovere, e per un tempo non inferiore ad altri quattro mesi in bottiglia (sei mesi per la riserva). Il Brunello di Montalcino è un vino di grande longevità e che richiede lungo affinamento prima di arrivare al top del suo livello qualitativo.  Ci sono esempi di Brunelli invecchiati per periodi che vanno da 10 a 30 anni e più. Il titolo alcolometrico minimo è di 12° (o 12,5 se specificata la menzione “vigna”). L’acidità totale minima è di  5 g/litro, mentre l’estratto secco netto non deve essere inferiore ai 24 g/litro.

Il Brunello di Montalcino nel bicchiere ha una tonalità rosso rubino, leggermente tendente al granato con l’invecchiamento. Ha un profumo è decisamente intenso e persistente, con sentori fruttati e di vaniglia ma anche di legno aromatico e sottobosco. Al palato è tannico e caldo, armonico, persistente e robusto.

Il Brunello di Montalcino va servito a temperatura ambiente (circa 18-22°C), in bicchieri grandi e dalla luce ampia, che consentano la percezione del suo complesso ed articolato bouquet. Nel caso di vini d’annata è preferibile prima decantarli e caraffarli  in modo tale che si possano riossigenare adeguatamente, liberandosi al contempo del deposito sul fondo.

I Dettagli della denominazione Brunello di Montalcino DOCG

Creata nel1980
RegioneToscana
ProvincieSiena
Tipo di denominazioneDOCG
MerceologiaVino

Il disciplinare della denominazione Brunello di Montalcino DOCG

Il link rimanda alla pagina del disciplinare della denominazione Brunello di Montalcino DOCG, con il pdf della versione aggiornata del disciplinare

I Vitigni della denominazione Brunello di Montalcino DOCG

Nella tabella riportiamo i vitigni che rientrano nella composizione ampelografica delle tipologie di vino della denominazione Brunello di Montalcino DOCG. I link rimandano alle pagine dedicate alle singole varità della Guida ai Vitigni d'Italia di Quattrocalici.

Le Tipologie vini della denominazione Brunello di Montalcino DOCG

I disciplinari delle denominazioni di origine dei vini prevedono una o più "Tipologie di vino" coperte nell'ambito della stessa denominazione. La tabella riporta tutte le tipologie previste dalla denominazione Brunello di Montalcino DOCG, ottenute vinificando le uve dei vitigni autorizzati nell'ambito della stessa denominazione. I link rimandano alle pagine dedicate alle singole tipologie di vino, nelle quali si possono trovare tutti i dettagli relativi ai procedimenti di vinificazione e alle caratteristiche organolettiche dei vini.

Argomenti correlati

  • Registrati su Quattrocalici

  • Il Blog di Quattrocalici

    Quaderno di degustazione - My Wines

    Come compilare la scheda di degustazione per un vino

    La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
  • Le Regioni del Vino

  • My Wines – Quaderno per le Degustazioni

    My Wines - Quaderno di Degustazione