La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Xinomavro e i suoi vini

    Il vitigno Xinomavro (in greco, Ξινόμαυρο) è il più importante tra i vitigni autoctoni a bacca nera degli altopiani di Naoussa, in Macedonia (Grecia). L’etimologia del nome si rifà alle caratteristiche dei vini da esso ottenuti, significando letteralmente “nero acido”.  Nel 2010, la sua superficie coltivata globale totale era di circa 2000 ettari, tutti in Grecia, ad eccezione di una piccola parte nella Repubblica ex Yugoslava di Macedonia, con alcune coltivazioni sperimentali aperte anche in altre parti del mondo, tra cui la Cina. Il vino rosso prodotto con il vitigno Xinomavro nella regione di Naoussa è diventato uno dei vini più importanti e apprezzati in Grecia e viene considerato uno dei più pregiati dell’intera area Mediterranea.

    xinomavro vitigno

    La Denominazione di Origine Protetta Naoussa DOP è stata istituita nel 1971 e la sua unica tipologie prevede l’utilizzo di uve  Xinomavro in purezza. I vini hanno buona predisposizione all’invecchiamento, grazie all’alto contenuto di acidità e tannini, simile a quello del Barolo ottenuto in Italia a partire dalle uve di Nebbiolo. A Goumenissa (sempre in Macedonia) lo Xinomavro viene spesso vinificato in uvaggio con il Negoska per produrre vini molto fruttati e ad alta gradazione alcolica. Lo Xinomavro è comunque ampiamente diffuso in tutta la Grecia continentale e presente in molte denominazioni, tra cui la Rapsani DOP, ai piedi del Monte Olimpo, i cui vini, cupi e corposi, si ottengono da uvaggi con i vitigni Stavroto e Krassato. In altre zone e per denominazioni per lo più IGP, lo Xinomavro viene assemblato con vitigni internazionali come il Merlot e lo Syrah per ottenere vini più morbidi ed apprezzati da un pubblico più ampio. Al naso, i vini da Xinomavro presentano caratteristiche note di prugna secca, fragola e pomodoro secco.

    Gli acini dello Xinomavro sono blu-neri, di dimensione variabile a seconda del tipo di clone, e i grappoli particolarmente compatti. Il vitigno ha maturazione tardiva e produttività irregolare, per cui i vini possono presentare caratteristiche diverse in funzione dell’annata. La buona predisposizione dei vini all’invecchiamento fa si che essi tendano in una certa misura a migliorare con il tempo.

    Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
    Facebook
    Pin on Pinterest
    Pinterest
    Tweet about this on Twitter
    Twitter
    Share on LinkedIn
    Linkedin

    Informazioni generali sul vitigno Xinomavro

      Il vitigno Xinomavro non viene coltivato in Italia. La sua origine è in Grecia, ma viene anche coltivato in Grecia. La sua superficie coltivata in Grecia ammonta a 2000 ha, mentre a livello mondiale supera i 2500 ha.
      Colore baccaBacca nera
      Categoria vitigniVitigni autoctoni
      Nazione o zona di origineGrecia
      Coltivato inGrecia
      Superfice vitata nazionale2000 ha
      Superfice vitata mondiale2500 ha

      Xinomavro - Ampelografia del vitigno

      Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l'aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Xinomavro sono:

      Caratteristiche del grappolo

      Il vitigno Xinomavro ha Grappolo compatto, Grappolo medio.

      Caratteristiche dell'acino

      Il vitigno Xinomavro ha acini Acini medi, Acini piccoli, di forma Obovoidale e di colore blu-nera.

      Xinomavro - Caratteristiche del vino

      Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Xinomavro sono:
      Il vino che si ottiene dal vitigno Xinomavro è di colore Rosso rubino con riflessi granati. Al palato è intenso, persistente, Fruttato, Speziato, tannico.

      Xinomavro - Caratteristiche colturali e produttive

      Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l'epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Xinomavro le caratteristiche principali sono:

      I Libri di Quattrocalici

      my wines quaderno degustazione

      My♥Wines

      Il Quaderno per le Degustazioni di Quattrocalici. Include 78 schede di degustazione da compilare seguendo il classico schema visivo/olfattivo/gustativo/abbinamenti e una Guida introduttiva alla degustazione semplice e schematica per chi si avvicina per la prima volta alla degustazione, ma che può servire da promemoria per i degustatori più esperti.

      conoscere il vino - il libro

      Conoscere il Vino  - Il Libro

      "Conoscere il Vino" raccoglie in un volume di 300 pagine tutto quello che c'è da sapere su questa affascinante materia. Una guida completa al vino, 20 Schede Regionali dei vini d'Italia, 14 Schede Nazionali dei principali paesi produttori di vino del mondo, 99 Schede dettagliate dei più importanti vini Italiani, di cui 10 spumanti, 37 bianchi, 35 rossi, 7 rosati e 10 vini da dessert. Il modo più efficace per acquisire una cultura di base sul vino.

      • Registrati su Quattrocalici

      • Il Blog di Quattrocalici

        Quaderno di degustazione - My Wines

        Come compilare la scheda di degustazione per un vino

        La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...