La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Indice dei contenuti per il vitigno Cesanese di Affile

Il vitigno Cesanese di Affile

    Il vitigno Cesanese d’Affile ha origini incerte. Sembra che il nome Cesanese derivi da Cesano, località vicino a Roma. Il vitigno Cesanese ha due tipologie, entrambe estensamente coltivate nel Lazio e nella zona dei Castelli Romani in particolare, il Cesanese d’Affile e il Cesanese comune. Il Cesanese d’Affile ha foglia e acini più piccoli e nero-violacei. I vini che si ottengono dal vitigno Cesanese d’Affile hanno più struttura e maggiore propensione all’invecchiamento rispetto a quelli ottenuti dal Cesanese comune. Attualmente il vino ottenuto dal vitigno Cesanese d’Affile può essere considerato come l’unico vero grande rosso da invecchiamento nel Lazio. La sua maturazione avviene in genere in botti grandi o frequentemente anche in barrique, il cui tono tostato quasi mai sovrasta la struttura del vino.

    Cesanese di Affile

    Informazioni generali sul vitigno Cesanese di Affile

      Colore baccaBacca nera
      Categoria vitigniVitigni locali
      Anno di registrazione1970
      Autorizzato regioniLazio, Toscana, Umbria

      Ampelografia

      Caratteristiche della foglia

      Foglia media, Pentagonale, Trilobata, Pentalobata.

      Caratteristiche dell'acino

      dimensione media, piccoli, di forma Ovoidale, Obovoidale, con buccia Buccia molto pruinosa e di colore blu-nera.

      Caratteristiche vino

      Il vino che si ottiene dal vitigno Cesanese di Affile è di colore . Al palato è Fruttato, Speziato, tannico, intenso.

      Caratteristiche colturali e produttive

      Argomenti correlati


      • Quattrocalici consiglia

      • Registrati su Quattrocalici

      • Il Blog di Quattrocalici

        Quaderno di degustazione - My Wines

        Come compilare la scheda di degustazione per un vino

        La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
      • Segui Quattrocalici sui social

      • Le Regioni del Vino