L’Atlante delle Denominazioni di Origine di Quattrocalici

Montefalco Sagrantino DOCG

montefalco-sagrantino-docg

Indice dei contenuti per la denominazione Montefalco Sagrantino DOCG

La denominazione Montefalco Sagrantino DOCG rappresenta una delle più importanti aree vitivinicole della regione Umbria. La denominazione Montefalco Sagrantino DOCG include le province di Perugia ed è stata creata nel 1992. I vini della denominazione Montefalco Sagrantino DOCG si basano principalmente sui vitigni Sagrantino. L'annessa cartina mostra la delimitazione geografica della denominazione Montefalco Sagrantino DOCG. Inoltre, Quattrocalici.it propone un elenco dei più importanti produttori di vino ubicati all'interno dell'area definita per la denominazione Montefalco Sagrantino DOCG.

La Denominazione

La denominazione di origine Montefalco Sagrantino DOCG è riservata ai vini prodotti con uve del vitigno Sagrantino in purezza,  coltivate in una zona che comprende terreni del comune di Montefalco e parte del territorio dei comuni di Bevagna, Gualdo Cattaneo,
Castel Ritaldi e Giano dell’Umbria ubicati in provincia di Perugia. Si tratta di una zona molto piccola con terreni che degradano dolcemente lungo i profili collinari con altitudini dai 220 m. s.l.m. ai 472 dei rilievi collinari più elevati, presidiati da antichi borghi medievali.

Il vino Montefalco Sagrantino DOCG viene prodotti nelle tipologie Secco e Passito. Viene sottoposto ad un periodo di invecchiamento obbligatorio di almeno 33 mesi,  di cui, per la sola tipologia Secco, almeno dodici mesi in botti di rovere di qualsiasi dimensione. Per la versione Passito viene ammessa, oltre all’appassimento naturale, la pratica del controllo dell’umidità. E’ comunque vietato il ricorso al riscaldamento.

Il colore dei vini Montefalco Sagrantino DOCG nella versione secca è rosso rubino intenso, talvolta con riflessi violacei e tendente al granato con l’invecchiamento. Il profumo è delicato, caratteristico, che ricorda quello delle more di rovo prugna e cuoio che si legano perfettamente con la vaniglia data dal legno; il sapore è asciutto e armonico, morbido e vellutato. Il Sagrantino è un vino da lungo invecchiamento grazie al suo corredo di antiossidanti naturali ed evolve fino ad 10-15 anni.
Il colore del Passito è rosso rubino carico, talvolta con riflessi violacei e tendente al granato con l’invecchiamento, mentre il profumo è ampio, delicato, caratteristico che ricorda quello delle more di rovo e di frutta rossa in confettura; al palato è dolce, armonico e gradevole.

Dettagli della denominazione

Creata nel1992
RegioneUmbria
ProvinciePerugia
Tipo di denominazioneDOCG
MerceologiaVino

Vitigni

VitignoColore bacca
SagrantinoSagrantinonera

Argomenti correlati

  • Quattrocalici consiglia

  • Registrati su Quattrocalici

  • Segui Quattrocalici sui social

  • Le Regioni del Vino