La guida ai vitigni di Quattrocalici

Turchetta

Il vitigno Turchetta e i suoi vini

turchetta vitigno

La Turchetta è un vitigno autoctono del Veneto, un tempo molto diffuso sia nella provincia di Padova, come riportato dal Marzotto agli inizi del ‘900, che nella zona del Polesano, cioè la provincia di Rovigo. Attualmente in via di estinzione, pochi produttori della bassa padovana e del Polesine stanno cercando di recuperarla, anche grazie alle sue qualità viticole ed enologiche, che lo rendono particolarmente interessante anche per la produzione di vini rossi di grande spessore. La Turchetta è un’uva dalla storia antica. La sua coltivazione ha infatti origini antiche e risale almeno al periodo successivo alle bonifiche di epoca veneziana. Era uno di quegli antichi vitigni autoctoni adattatisi a un clima difficile, umido e caldo d’estate, con rese modeste, spesso a malapena sufficienti al consumo familiare.

Anticamente la si trovava in 23 Comuni della provincia di Rovigo (e in altri 17 una varietà scomparsa, la Calma Turchetta) ed era molto diffusa era anche nel padovano, ma non va confusa con un’altra Turchetta presente nel territorio bellunese. La Turchetta, come altre varietà minori, è stata spazzata via dalla crisi del vino tra anni Settanta e Ottanta, a cui seguì l’arrivo di varietà francesi e italiane più moderne. La Turchetta è un vitigno che si adatta bene ai terreni argillosi di pianura, purché ben drenati. E’ molto rustico, poco sensibile alla peronospora ed alle altre crittogame e non è soggetto a marciume. La Turchetta è stata di recente riscoperta nel Rodigino e nel Padovano sull’onda dell’interesse generale per il recupero dei vitigni autoctoni. Attualmente è possibile trovarla solo presso pochi viticoltori della sua zona tradizionale di coltivazione, ne esistono pochissimi filari e per fare delle valutazioni sui suoi vini bisognerà attendere la messa in commercio di prodotti vinificati in purezza.

 

turchetta vitigno

La Turchetta è un vitigno autoctono del Veneto, un tempo molto diffuso sia nella provincia di Padova, come riportato dal Marzotto agli inizi del ‘900, che nella zona del Polesano, cioè la provincia di Rovigo. Attualmente in via di estinzione, pochi produttori della bassa padovana e del Polesine stanno cercando di recuperarla, anche grazie alle sue qualità viticole ed enologiche, che lo rendono particolarmente interessante anche per la produzione di vini rossi di grande spessore. La Turchetta è un’uva dalla storia antica. La sua coltivazione ha infatti origini antiche e risale almeno al periodo successivo alle bonifiche di epoca veneziana. Era uno di quegli antichi vitigni autoctoni adattatisi a un clima difficile, umido e caldo d’estate, con rese modeste, spesso a malapena sufficienti al consumo familiare.

Anticamente la si trovava in 23 Comuni della provincia di Rovigo (e in altri 17 una varietà scomparsa, la Calma Turchetta) ed era molto diffusa era anche nel padovano, ma non va confusa con un’altra Turchetta presente nel territorio bellunese. La Turchetta, come altre varietà minori, è stata spazzata via dalla crisi del vino tra anni Settanta e Ottanta, a cui seguì l’arrivo di varietà francesi e italiane più moderne. La Turchetta è un vitigno che si adatta bene ai terreni argillosi di pianura, purché ben drenati. E’ molto rustico, poco sensibile alla peronospora ed alle altre crittogame e non è soggetto a marciume. La Turchetta è stata di recente riscoperta nel Rodigino e nel Padovano sull’onda dell’interesse generale per il recupero dei vitigni autoctoni. Attualmente è possibile trovarla solo presso pochi viticoltori della sua zona tradizionale di coltivazione, ne esistono pochissimi filari e per fare delle valutazioni sui suoi vini bisognerà attendere la messa in commercio di prodotti vinificati in purezza.

 

turchetta vitigno
Turchetta

Informazioni generali sul vitigno

Il vitigno Turchetta è uno dei  Vitigni autoctoni a Bacca nera presenti principalmente nelle regioni Veneto e registrato ufficialmente nel Catalogo nazionale varietà di vite dal 2007. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 5 ha.
Colore baccaBacca nera
Categoria vitigniVitigni autoctoni
Regioni Italiane principaliVeneto
Superfice vitata nazionale5 ha
Anno di registrazione2007
Autorizzato provincePadova, Rovigo, Treviso, Venezia, Verona, Vicenza
Turchetta

Ampelografia del vitigno

Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l’aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Turchetta sono:
Caratteristiche della foglia

Il vitigno Turchetta ha Foglia media, Foglia pentagonale, Foglia pentalobata.

Caratteristiche del grappolo

Il vitigno Turchetta ha Grappolo compatto, Grappolo mediamente compatto, Grappolo medio, Grappolo piramidale. Ali nel grapppolo: 1 ala.

Caratteristiche dell'acino

Il vitigno Turchetta ha acini Acini di dimensione media, di forma Acini sferoidali, con buccia Buccia molto pruinosa e di colore Buccia blu-nera.

Turchetta

Caratteristiche del vino

Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Turchetta sono:

Il vino che si ottiene dal vitigno Turchetta è di colore Rosso rubino, . Al palato è Fruttato, Floreale, Speziato, tannico.

Turchetta

Caratteristiche colturali e produttive

Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l’epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Turchetta le caratteristiche principali sono:
Epoca maturazioneMaturazione media
VigoriaVigoria moderata
ProduttivitàProduttività regolare, Produttività scarsa
Resistente a,
Turchetta

Il vino e le Denominazioni di riferimento

Nel Database dei Vitigni di Quattrocalici sono raccolti i dati relativi a tutti i vitigni che risultano menzionati esplicitamente in almeno una denominazione di origine DOP o IGP italiana. Il vitigno Turchetta risulta essere menzionato nel disciplinare delle seguenti denominazioni:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.