La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Pampanaro e i suoi vini

    Il Pampanaro è un antico vitigno autoctono a bacca bianca del Lazio. L’area di coltivazione del Pampanaro, alquanto ampia sino alla prima metà del secolo scorso, si estendeva a sud di Frosinone. Il Pampanaro rappresenta una recente recente riscoperta ed è stato iscritto nel Registro nazionale delle varietà di vite da vino nel 2010, assieme ai vitigni Capolongo, Maturano, Lecinaro e Rosciola. Questi vitigni sono stati recuperati grazie ad un progetto dell’Arsial (Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura nel Lazio), teso ad individuare i cloni più qualificati per vitigni già iscritti al Registro regionale delle varietà di uva da vino, per farne emergere gli elementi distintivi e permetterne lo sviluppo nel territorio. Poco quindi si conosce di questo vitigno, e pochissimi sono i produttori che lo propongono.

    pampanaro vitigno

    Il Pampanaro ha un acino di medie dimensioni, rotondo, con buccia spessa, abbastanza consistente e pruinosa di colore giallo con riflessi verdognoli. Se ne ottiene un vino di colore giallo paglierino, dall’olfatto intrigante con gli stessi terpeni del Traminer aromatico, i cui aromi si orientano su litchi, rosa e pompelmo. Buona la sua struttura e la sua persistenza, con una chiusura leggermente balsamica.

    Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
    Facebook
    Pin on Pinterest
    Pinterest
    Tweet about this on Twitter
    Twitter
    Share on LinkedIn
    Linkedin

    Informazioni generali sul vitigno Pampanaro

      Il vitigno Pampanaro è uno dei  Vitigni autoctoni a Bacca bianca della regione Lazio, registrato ufficialmente dal 2009. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 5 ha.
      Colore baccaBacca bianca
      Categoria vitigniVitigni autoctoni
      Superfice vitata nazionale5 ha
      Anno di registrazione2009
      Autorizzato regioniLazio

      Pampanaro - Ampelografia del vitigno

      Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l'aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Pampanaro sono:

      Caratteristiche della foglia

      Il vitigno Pampanaro ha Foglia media, Pentagonale, Pentalobata.

      Caratteristiche del grappolo

      Il vitigno Pampanaro ha Grappolo compatto, Grappolo mediamente compatto, Grappolo medio, Grappolo conico. Ali nel grapppolo: 1-3 ali.

      Caratteristiche dell'acino

      Il vitigno Pampanaro ha acini dimensione media, di forma Acini elissoidali, con buccia Buccia poco pruinosa, Buccia di medio spessore e di colore verde-gialla.

      Pampanaro - Caratteristiche del vino

      Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Pampanaro sono:
      Il vino che si ottiene dal vitigno Pampanaro è di colore Giallo paglierino.

      Pampanaro - Caratteristiche colturali e produttive

      Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l'epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Pampanaro le caratteristiche principali sono:
      Epoca maturazioneMaturazione tardiva

      Pampanaro - Il Vino e le Denominazioni di riferimento

      Nel Database dei Vitigni di Quattrocalici sono raccolti i dati relativi a tutti i vitigni che risultano menzionati esplicitamente in almeno una denominazione di origine DOP o IGP italiana. Il vitigno Pampanaro risulta essere menzionato nel disciplinare delle seguenti denominazioni:
      DenominazioneTipo denominazioneRegione
      Frusinate o del Frusinate IGTIGTLazio

      Argomenti correlati