La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Groppello di Santo Stefano

Vai alla pagina di ricerca vitigni ›

Il vitigno Groppello di Santo Stefano e i suoi vini

    Il vitigno Groppello di Santo Stefano appartiene alla famiglia dei Groppelli, tutti originari della sponda ovest del Lago di Garda, da Desenzano fino alla Val di Non nel Trentino. I Groppelli vengono coltivati anche in Veneto (nelle province di Vicenza, Verona e Treviso) e in Lombardia (nelle province di Brescia e Bergamo). Dei Groppelli avevano parlato già molti autori latini tra cui Virgilio e Plinio il Vecchio. Il Groppello di Santo Stefano coincide con il Groppello di Mocasina, anche se al registro nazionale delle varietà questi sono iscritti separatamente, ed è detto molinèr (mugnaio, quindi infarinato, imbiancato). Il nome Groppello deriva da groppo (“nodo” in dialetto veneto), in quanto i grappoli di questa varietà sono molto compatti.

    groppello di santo stefano vitigno

    Il Groppello di Santo Stefano predilige terreni collinari di origine morenica, argillosi e ben esposti che gli assicurano buona vigoria, produzione e maturazione delle uve. Dal punto di vista ampelografico, la foglia del Groppello di Santo Stefano è di forma media, pentagonale con tre o cinque lobi, con caratteristiche sfumature biancastre come a sembrare “infarinata”. Il grappolo è piccolo, cilindrico o conico, compatto, alato e l’acino è medio, tondo con buccia di media consistenza e pruinosa. Il Groppello di Santo Stefano viene vinificato sia in purezza, assieme agli altri Groppelli, che in assemblaggio con altri vitigni locali, a seconda della zona di produzione. In purezza il Groppello dà vini di un bel colore rubino brillante, molto vivace, con buona gamma di profumi, molto delicata e fruttata e piccoli tocchi di spezie. Il palato si presenta con buona morbidezza, leggero ma dal corpo abbastanza pieno, con una caratteristica freschezza dovuta alla buona acidità naturale. E’ un vino leggero, adatto ad abbinamenti a tutto pasto, dai salumi freschi alle paste al sugo, fino alle carni rosse e ai formaggi mediamente stagionati. Il Groppello è un vino da bere in gioventù, anche se può fregiarsi della menzione Riserva dopo due anni di affinamento, nella quale prende speziature più marcate che lo portano ad abbinamenti con carni rosse più elaborate. Nella zona del Garda il Groppello viene assemblato con il Marzemino, il Sangiovese e il Barbera per vinificare il Garda Classico, per un vino più ricco e corposo, da accompagnare con carni di cacciagione.

    Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
    Facebook
    Pin on Pinterest
    Pinterest
    Tweet about this on Twitter
    Twitter
    Share on LinkedIn
    Linkedin

    Informazioni generali sul vitigno Groppello di Santo Stefano

      Il vitigno Groppello di Santo Stefano è uno dei  Vitigni autoctoni a Bacca nera della regione Lombardia, registrato ufficialmente dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 30 ha.
      Colore baccaBacca nera
      Categoria vitigniVitigni autoctoni
      Superfice vitata nazionale30 ha
      Famiglia vitigniGroppelli
      Anno di registrazione1970
      Autorizzato provinceTrento
      Autorizzato regioniLombardia, Toscana

      Groppello di Santo Stefano - Ampelografia del vitigno

      Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l'aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Groppello di Santo Stefano sono:

      Caratteristiche della foglia

      Il vitigno Groppello di Santo Stefano ha Foglia media, Pentagonale, Pentalobata, Trilobata.

      Caratteristiche del grappolo

      Il vitigno Groppello di Santo Stefano ha Grappolo molto compatto, Grappolo medio, Grappolo cilindrico, Grappolo conico. Ali nel grapppolo: 1 ala.

      Caratteristiche dell'acino

      Il vitigno Groppello di Santo Stefano ha acini dimensione media, di forma Sferoidale, con buccia Buccia pruinosa, Buccia di media consistenza e di colore blu-nera.

      Groppello di Santo Stefano - Caratteristiche del vino

      Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Groppello di Santo Stefano sono:
      Il vino che si ottiene dal vitigno Groppello di Santo Stefano è di colore Rosso rubino, brillante. Al palato è fresco, di corpo, morbido.

      Groppello di Santo Stefano - Caratteristiche colturali e produttive

      Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l'epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Groppello di Santo Stefano le caratteristiche principali sono:
      Predilige posizioneEsposizione buona
      Sensibilità conosciuteBotrite

      Groppello di Santo Stefano - Il Vino e le Denominazioni di riferimento

      Nel Database dei Vitigni di Quattrocalici sono raccolti i dati relativi a tutti i vitigni che risultano menzionati esplicitamente in almeno una denominazione di origine DOP o IGP italiana. Il vitigno Groppello di Santo Stefano risulta essere menzionato nel disciplinare delle seguenti denominazioni:

      Argomenti correlati


      • Registrati su Quattrocalici

      • Il Blog di Quattrocalici

        Quaderno di degustazione - My Wines

        Come compilare la scheda di degustazione per un vino

        La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
      • My Wines – Quaderno per le Degustazioni

        My Wines - Quaderno di Degustazione