LE TIPOLOGIE DEI VINI NELLE DENOMINAZIONI – Quattrocalici

Etna DOC bianco

etna doc cartina

Il vino

Il vino Etna DOC bianco è una delle tipologie di vino previste dalla denominazione Etna DOC, una DOC della regione . I disciplinari delle denominazioni DOC prevedono al loro interno specifiche tipologie di vino, che si caratterizzano per la loro composizione ampelografica, ossia per i vitigni ammessi per la loro produzione, per le procedure di vinificazione e per le specifiche caratteristiche organolettiche del vino. I vitigni che rientrano nella composizione del vino Etna DOC bianco sono Carricante min.60%, Catarratto bianco comune e/o catarratto bianco lucido 0-40%. Le caratteristiche organolettiche del Etna DOC bianco prevedono un colore Giallo paglierino, . Il profilo olfattivo del vino Etna DOC bianco è delicato, caratteristico e al palato risulta secco, fresco, armonico.
Etna DOC bianco

I dettagli del vino

DenominazioneEtna DOC
VitigniCarricante, Catarratto bianco comune, Catarratto bianco lucido
Tipo denominazioneDOC
Colore vinobianco
Tipo vinoVino fermo
Dolcezza vinosecco
Regione vinoSicilia
Etna DOC bianco

Caratteristiche del vino

Le caratteristiche del vino Etna DOC bianco si esprimono anche attraverso i principali parametri i cui valori minimi sono richiesti da disciplinare, per questa come per tutte le altre tipologie dei vini della Etna DOC.
Acidità min.5,5 g/l
Alcool11,50%
Composizione vinoCarricante min.60%, Catarratto bianco comune e/o catarratto bianco lucido 0-40%
Estratto secco min.18,0 g/l
Affinamento minimon.d.
Etna DOC bianco

La degustazione del vino

Il disciplinare della Etna DOC prevede per la tipologia Etna DOC bianco delle specifiche caratteristiche organolettiche, riportate qui di seguito.
Aspetto

Giallo paglierino, .

Abbinamenti
Etna DOC bianco

I vitigni utilizzati

La tabella più in basso riporta i vitigni esplicitamente menzionati nel disciplinare della Etna DOC per la tipologia Etna DOC bianco, ossia Carricante min.60%, Catarratto bianco comune e/o catarratto bianco lucido 0-40%. La eventuale frazione restante si rifierisce a vitigni con bacca dello stesso colore, autorizzati per la regione Sicilia.