Assiette di formaggi misti

Ricetta Top

Per ogni formaggio esiste il giusto abbinamento con il vino: la vastità dei sapori di questo alimento si presta alla ricerca dell'accompagnamento con il vino ideale. Esistono alcune facili regole da seguire per creare l'abbinamento di successo del vino con il formaggio, che si rifanno alle regole generali dell'accostamento dei vini ai cibi.

Innanzitutto l'intensità aromatica: per un formaggio delicato serve un vino delicato, da scegliere ad esempio tra i vini bianchi secchi. Per l'abbinamento con un formaggio molto intenso, come ad esempio i formaggi erborinati, sceglieremo un vino olfattivamente intenso e complesso e di grande struttura, ad esempio un vino liquoroso o passito. Per un formaggio di media stagionatura ed intensità, opteremo per un vino rosso di buona struttura, mentre per formaggi intensi e di lungo affinamento, parimenti un vino rosso di annata e di grande struttura, meglio se accompagnata da tannini levigati e morbidi, per non accentuare troppo la sapidità del formaggio.

Ricetta per: Assiette di formaggi misti

Trai Antipasti disponibili nel nostro Database Ricette in abbinamento con i migliori Vini Italiani, abbiamo scelto il piatto Assiette di formaggi misti, a base di Formaggio e , Crudi. Il piatto Assiette di formaggi misti si abbina al meglio con vino Bianco, Rosso, Fermo, Passito, Vendemmia tardiva, Secco, Dolce, Di medio corpo, Di corpo. Possiamo abbinare al Assiette di formaggi misti un vino della regione , come ad esempio il Valle d'Aosta DOC Gamay.

Preparazione: 

Disporre i formaggi sul tagliere o piatto in forma di “orologio”, cioè partendo dai formaggi a pasta molle per continuare con i semistagionati e per finire con quelli a pasta dura stagionati. E' consigliabile presentare almeo 5 formaggi: uno morbido, due semiduri e due duri. Suggerite il primo da cui partire. I formaggi vanno serviti a temperatura ambiente: tirateli fuori dal frigo da una a due ore prima di servirli. Eliminate la crosta se non edibile. Il taglio ottimale dei formaggi è diverso in funzione della loro tipologia: i formaggi giovani come il Fontina vanno presentati in pezzi triangolari, il Parmigiano Reggiano a scaglie, il formaggio di pecora e il formaggio di capra a fette.

Accompagnate il tagliere con confetture e mieli in piccole ciotole dotate di cucchiaino. Essendo il formaggio praticamente privo di zuccheri, il suo abbinamento con miele o marmellate risulta particolarmente armonico, soprattutto per formaggi di media o lunga stagionatura o elevata aromaticità, mentre i formaggi più freschi e delicati tendono ad esserne sovrastati. In questo caso si può proporre, in alternativa, l'abbinamento con mostarde o vinaigrette di olio di oliva ed erbe per formaggi tipo Fontina o per quelli di capra. Anche la frutta fresca di stagione (uva, pere, pesche, kiwi) si abbina ai formaggi morbidi, mentre la frutta secca (mandorle, noci, pistacchi, castagne) a quelli duri. A disposizione dei commensali ci devono essere l’ampolla dell’olio extravergine, il macina pepe, il burro e pane,meglio se casereccio, tagliato a fette sottili o in piccoli panini.


Portate: 

Cottura: 

Merceologia: 

Ingrediente principale: 

Colore vino: 

Bianco
Rosso

Tipo vino: 

Fermo
Passito
Vendemmia tardiva

Zuccheri vino: 

Secco
Dolce

Struttura: 

Di medio corpo
Di corpo