La Guida ai Vitigni di Quattrocalici

Il vitigno Semidano e i suoi vini

    Il vitigno Semidano, a bacca bianca, ha origine incerta ed è forse giunto in Sardegna negli antichi approdi di Karalis e Nora in tempi molto remoti, ad opera di comemrciani fenici o romani. Come per il Nuragus si è poi diffuso nell’attuale Campidano di Cagliari, dove è conosciuto sin dal 1780, e nel passato veniva utilizzato per ingentilire i vini ottenuti a base di Nuragus. La grande epidemia di fillossera dell’ottocento ne ridusse notevolmente la superficie vitata essendo il Semidano tra i vitigni più sensibili e colpiti dall’insetto. Dopo il flegello il Semidano ha conosciuto un’epoca di quasi totale abbandono dal momento che per i rimpianti si diede priorità ad altri vitigni di gran lunga più produttivi tra cui in primis il Nuragus. Attualmente il Semidano viene coltivato in una ristretta area del Campidano di Oristano. Nel 1996 il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, con l’istituzione della DOC Sardegna Semidano e la rispettiva sottozona Mogoro, particolarmente vocata per questo vitigno, ne ha riconosciuto la tipicità e l’importanza enologica.

    Semidano
    Condividi questa pagina sui social   Share on Facebook
    Facebook
    Pin on Pinterest
    Pinterest
    Tweet about this on Twitter
    Twitter
    Share on LinkedIn
    Linkedin

    Informazioni generali sul vitigno Semidano

      Il vitigno Semidano è uno dei  Vitigni autoctoni a Bacca bianca della regione Sardegna, registrato ufficialmente dal 1970. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a .
      Colore baccaBacca bianca
      Categoria vitigniVitigni autoctoni
      Anno di registrazione1970
      Raccomandato regioniSardegna

      Semidano - Ampelografia del vitigno

      Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l'aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Semidano sono:

      Caratteristiche della foglia

      Il vitigno Semidano ha Foglia media, Orbicolare, Pentalobata.

      Caratteristiche del grappolo

      Il vitigno Semidano ha Grappolo compatto, Grappolo medio, Grappolo cilindrico, Grappolo conico.

      Caratteristiche dell'acino

      Il vitigno Semidano ha acini dimensione media, di forma Sferoidale, con buccia spessa, Buccia consistente, Buccia molto pruinosa e di colore verde-gialla.

      Semidano - Caratteristiche del vino

      Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Semidano sono:
      Il vino che si ottiene dal vitigno Semidano è di colore Giallo paglierino. Al palato è fresco, Floreale, .

      Semidano - Caratteristiche colturali e produttive

      Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l'epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Semidano le caratteristiche principali sono:

      Semidano - Il Vino e le Denominazioni di riferimento

      Nel Database dei Vitigni di Quattrocalici sono raccolti i dati relativi a tutti i vitigni che risultano menzionati esplicitamente in almeno una denominazione di origine DOP o IGP italiana. Il vitigno Semidano risulta essere menzionato nel disciplinare delle seguenti denominazioni:

      Argomenti correlati


      • Registrati su Quattrocalici

      • Il Blog di Quattrocalici

        Quaderno di degustazione - My Wines

        Come compilare la scheda di degustazione per un vino

        La sequenza sensoriale nella degustazione Nella degustazione di un vino è importante seguire la giusta sequenza sensoriale: prima si valuta l'aspetto visivo, poi quello olfattivo...
      • My Wines – Quaderno per le Degustazioni

        My Wines - Quaderno di Degustazione