La guida ai vitigni di Quattrocalici

Bronner

Il vitigno Bronner e i suoi vini

bronner vitigno

Il vitigno Bronner è una varietà di uva bianca creata nel 1975 da Norbert Becker dell’istituto viticolo di Friburgo, in Germania. Ha ottenuto il riconoscimento ufficiale come varietà protetta due anni dopo, e ora viene coltivato in piccole quantità in Germania e Svizzera. In Italia è stato iscritto ufficialmente nel 2009, ma non può essere utilizzato per la produzione di vini a denominazione di origine. Il Bronner è una varietà dalla forte resistenza ai principali funghi patogeni (come oidio e peronospera) e dotata di caratteristiche qualitative proprie della nobile vite europea. Tra tutte le varietà “PIWI” (viti resistenti alle crittogame) è sicuramente la più interessante e si sta diffondendo molto bene per le sue ottime qualità enologiche.

Il Bronner è un incrocio del vitigno a bacca bianca Merzling con il Sankt Laurent. Il nome Bronner fu dato in onore di Johan Philipp Bronner, un farmacista tedesco del XIX secolo e pioniere della viticoltura che si pensa abbia introdotto il Sankt Laurent e il Blauer Portugieser in Germania dall’Austria.Esiste anche un altro vitigno chiamato Bronner, il “Weisser Bronnertraube“, un vitigno completamente diverso, che prende il nome dal suo creatore, dal cognome Bronner. Questa varietà (usata principalmente come uva da tavola) è una variante del Pinot Bianco che ha solo fiori femminili, a differenza della maggior parte dei vitigni coltivati ​​commercialmente. Per quanto riguarda il “nostro” Bronner,  quando il frutto è ben maturo, il suo vino condivide alcune caratteristiche con il Pinot Bianco, relativamente leggero negli aromi con sottili sapori di mela. La vite ha buona vigoria, è molto resistente alla peronospora e alla botrite.

bronner vitigno

Il vitigno Bronner è una varietà di uva bianca creata nel 1975 da Norbert Becker dell’istituto viticolo di Friburgo, in Germania. Ha ottenuto il riconoscimento ufficiale come varietà protetta due anni dopo, e ora viene coltivato in piccole quantità in Germania e Svizzera. In Italia è stato iscritto ufficialmente nel 2009, ma non può essere utilizzato per la produzione di vini a denominazione di origine. Il Bronner è una varietà dalla forte resistenza ai principali funghi patogeni (come oidio e peronospera) e dotata di caratteristiche qualitative proprie della nobile vite europea. Tra tutte le varietà “PIWI” (viti resistenti alle crittogame) è sicuramente la più interessante e si sta diffondendo molto bene per le sue ottime qualità enologiche.

Il Bronner è un incrocio del vitigno a bacca bianca Merzling con il Sankt Laurent. Il nome Bronner fu dato in onore di Johan Philipp Bronner, un farmacista tedesco del XIX secolo e pioniere della viticoltura che si pensa abbia introdotto il Sankt Laurent e il Blauer Portugieser in Germania dall’Austria.Esiste anche un altro vitigno chiamato Bronner, il “Weisser Bronnertraube“, un vitigno completamente diverso, che prende il nome dal suo creatore, dal cognome Bronner. Questa varietà (usata principalmente come uva da tavola) è una variante del Pinot Bianco che ha solo fiori femminili, a differenza della maggior parte dei vitigni coltivati ​​commercialmente. Per quanto riguarda il “nostro” Bronner,  quando il frutto è ben maturo, il suo vino condivide alcune caratteristiche con il Pinot Bianco, relativamente leggero negli aromi con sottili sapori di mela. La vite ha buona vigoria, è molto resistente alla peronospora e alla botrite.

vitigno bronner
Bronner

Informazioni generali sul vitigno

Il vitigno Bronner è uno dei  Vitigni locali a Bacca bianca presenti principalmente nelle regioni Trentino-Alto Adige e registrato ufficialmente nel Catalogo nazionale varietà di vite dal 2009. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 6 ha.
Colore baccaBacca bianca
Categoria vitigniVitigni locali
Regioni Italiane principaliTrentino-Alto Adige
Nazione o zona di origineGermania
Superfice vitata nazionale6 ha
Anno di registrazione2009
Autorizzato regioniTrentino-Alto Adige
Bronner

Ampelografia del vitigno

Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l’aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Bronner sono:
Caratteristiche della foglia

Il vitigno Bronner ha .

Caratteristiche del grappolo

Il vitigno Bronner ha .

Caratteristiche dell'acino

Il vitigno Bronner ha acini

Bronner

Caratteristiche del vino

Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Bronner sono:

Il vino che si ottiene dal vitigno Bronner è di colore Giallo paglierino.

Bronner

Caratteristiche colturali e produttive

Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l’epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Bronner le caratteristiche principali sono:

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.