La guida ai vitigni di Quattrocalici

Tempranillo

Il vitigno Tempranillo e i suoi vini

tempranillo vitigno

Il vitigno Tempranillo è forse la varietà a bacca nera più importante in Spagna. Il Tempranillo è arrivato in Spagna probabilmente grazie ai monaci di Cluny in pellegrinaggio sul Cammino di Santiago di Compostela. Il Tempranillo è noto soprattutto come vino da taglio nei vini della Rioja, dove in uvaggio con la Garnacha dà vita ai rossi più rinomati di Spagna. Poiché possiede poca dolcezza e acidità, raramente è vinificato in purezza. All’origine del nome potrebbe esserci la sua tendenza alla maturazione precoce (temprano in spagnolo significa presto). Questa assieme ad un ciclo vegetativo abbastanza breve, rende il vitigno adatto alla coltivazione anche nelle aree relativamente fredde della Spagna settentrionale, come appunto la Rioja. Se invece viene esposto ad alte temperature, il Tempranillo  produce vini relativamente piatti. La buccia spessa dei suoi acini rende i suoi vini piuttosto tannici cosa che ne favorisce l’invecchiamento.

La diffusione geografica del Tempranillo è limitata alla Spagna e al Portogallo, dove lo si trova nelle regioni dell’Alentejo e come uva da vino porto nella Valle del Douro con il nome di Tinta Roriz. Nella Rioja per la maturazione si impiegano in genere barriques nuove di quercia bianca americana, che conferiscono ai vini un forte carattere di vaniglia che spesso nasconde le caratteristiche specifiche del vitigno, l’elegante e morbido aroma fruttato che si riscontra nelle migliori bottiglie. Il Tempranillo è presente anche in Argentina, dove è noto col nome di Tempranilla, mentre in Italia ha trovato un terroir d’elezione anche in Toscana e nel Lazio, zone nelle quali entra negli uvaggi di numerose IGT, oltre che in alcuni vini da tavola.

tempranillo vitigno

Il vitigno Tempranillo è forse la varietà a bacca nera più importante in Spagna. Il Tempranillo è arrivato in Spagna probabilmente grazie ai monaci di Cluny in pellegrinaggio sul Cammino di Santiago di Compostela. Il Tempranillo è noto soprattutto come vino da taglio nei vini della Rioja, dove in uvaggio con la Garnacha dà vita ai rossi più rinomati di Spagna. Poiché possiede poca dolcezza e acidità, raramente è vinificato in purezza. All’origine del nome potrebbe esserci la sua tendenza alla maturazione precoce (temprano in spagnolo significa presto). Questa assieme ad un ciclo vegetativo abbastanza breve, rende il vitigno adatto alla coltivazione anche nelle aree relativamente fredde della Spagna settentrionale, come appunto la Rioja. Se invece viene esposto ad alte temperature, il Tempranillo  produce vini relativamente piatti. La buccia spessa dei suoi acini rende i suoi vini piuttosto tannici cosa che ne favorisce l’invecchiamento.

La diffusione geografica del Tempranillo è limitata alla Spagna e al Portogallo, dove lo si trova nelle regioni dell’Alentejo e come uva da vino porto nella Valle del Douro con il nome di Tinta Roriz. Nella Rioja per la maturazione si impiegano in genere barriques nuove di quercia bianca americana, che conferiscono ai vini un forte carattere di vaniglia che spesso nasconde le caratteristiche specifiche del vitigno, l’elegante e morbido aroma fruttato che si riscontra nelle migliori bottiglie. Il Tempranillo è presente anche in Argentina, dove è noto col nome di Tempranilla, mentre in Italia ha trovato un terroir d’elezione anche in Toscana e nel Lazio, zone nelle quali entra negli uvaggi di numerose IGT, oltre che in alcuni vini da tavola.

vitigno tempranillo
Tempranillo

Informazioni generali sul vitigno

Il vitigno Tempranillo è un vitigno internazionale a Bacca nera la cui origine è Spagna ed è diffuso principalmente in Spagna, Portogallo, Argentina. In Italia viene coltivato principalmente nella regione Toscana e vi è registrato ufficialmente dal 1999. La sua superficie coltivata a livello italiano ammonta a 25 ha in Italia, mentre a livello mondiale ammonta a 210.000 ha in Spagna, 17.000 ha in Portogallo, 7.000 ha in Argentina.
Colore baccaBacca nera
Categoria vitigniVitigni internazionali
Regioni Italiane principaliToscana
Nazione o zona di origineSpagna
Coltivato inSpagna, Portogallo, Argentina
Superfice vitata nazionale25 ha in Italia
Superfice vitata mondiale210.000 ha in Spagna, 17.000 ha in Portogallo, 7.000 ha in Argentina
Anno di registrazione1999
Autorizzato regioniToscana, Lazio
Osservazione provinceBolzano
tempranillo vitigno
Tempranillo

Ampelografia del vitigno

Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l’aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Tempranillo sono:
Caratteristiche della foglia

Il vitigno Tempranillo ha Foglia grande, Foglia orbicolare.

Caratteristiche del grappolo

Il vitigno Tempranillo ha Grappolo compatto, Grappolo mediamente compatto, Grappolo grosso. Ali nel grapppolo: 1 ala.

Caratteristiche dell'acino

Il vitigno Tempranillo ha acini Acini di dimensione media, di forma Acini irregolari, con buccia Buccia spessa e di colore Buccia blu-nera.

Tempranillo

Caratteristiche del vino

Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Tempranillo sono:

Il vino che si ottiene dal vitigno Tempranillo è di colore Rosso rubino. Al palato è Caldo, .

Tempranillo

Caratteristiche colturali e produttive

Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l’epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Tempranillo le caratteristiche principali sono:
Epoca maturazioneMaturazione precoce
VigoriaVigoria elevata

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.