La guida ai vitigni di Quattrocalici

Gamba rossa

Il vitigno Gamba rossa e i suoi vini

gamba rossa vitigno

Il vitigno Gamba rossa è meglio conosciuto con il sinonimo locale “Gamba di Pernice” anche se l’unico sinonimo riconosciuto ufficialmente è “Imperatrice dalla gamba rossa“. Il Gamba rossa deve il suo nome singolare al fatto che il raspo, prima dell’inizio dell’invaiatura (colorazione dei grappoli che precede la maturazione) è di un colore rosso vivo e ricorda anche nella forma le zampe delle pernici, che in quel periodo popolano i vigneti. Il Gamba rossa è ancora spesso presente su “piede franco” in quanto sopravvissuto miracolosamente al disastro provocato tra fine Ottocento e primi del Novecento dalla filossera che ne fece scomparire molti altri. E’ una varietà di vite da sempre presente tra i filari del comune di Calosso e dei comuni limitrofi Costigliole d’Asti e Canelli, tutti nel sud Astigiano, e ha rischiato l’estinzione prima di essere “riscoperta” e portata a nuova vita poco più di dieci anni fa.

E’ presente nel registro nazionale varietà di vite dal 2007. Dal punto di vista ampelografico, il vitigno Gamba rossa presenta una foglia di media grandezza, pentagonale, eptalobata. Il grappolo è di media grandezza, a forma piramidale, con una o due ali ben sviluppate, compatto. Gli acini sono medio-grandi o grandi, sferoidali, molto pruinosi, di colore blu-nero con sfumature viola. La sua epoca di maturazione va da fine settembre o inizio ottobre. Il vitigno Gamba rossa dà un vino dal colore rosso granato mediamente carico. Al naso è intenso, speziato e balsamico, con note di pepe verde ed altre essenze orientali, fruttato con note prevalenti di confettura e di ciliegia sotto spirito. Al palato è asciutto, di corpo, giustamente tannico, spesso con un finale fortemente minerale, con il ritorno delle sensazioni speziate avvertite al naso.

gamba rossa vitigno

Il vitigno Gamba rossa è meglio conosciuto con il sinonimo locale “Gamba di Pernice” anche se l’unico sinonimo riconosciuto ufficialmente è “Imperatrice dalla gamba rossa“. Il Gamba rossa deve il suo nome singolare al fatto che il raspo, prima dell’inizio dell’invaiatura (colorazione dei grappoli che precede la maturazione) è di un colore rosso vivo e ricorda anche nella forma le zampe delle pernici, che in quel periodo popolano i vigneti. Il Gamba rossa è ancora spesso presente su “piede franco” in quanto sopravvissuto miracolosamente al disastro provocato tra fine Ottocento e primi del Novecento dalla filossera che ne fece scomparire molti altri. E’ una varietà di vite da sempre presente tra i filari del comune di Calosso e dei comuni limitrofi Costigliole d’Asti e Canelli, tutti nel sud Astigiano, e ha rischiato l’estinzione prima di essere “riscoperta” e portata a nuova vita poco più di dieci anni fa.

E’ presente nel registro nazionale varietà di vite dal 2007. Dal punto di vista ampelografico, il vitigno Gamba rossa presenta una foglia di media grandezza, pentagonale, eptalobata. Il grappolo è di media grandezza, a forma piramidale, con una o due ali ben sviluppate, compatto. Gli acini sono medio-grandi o grandi, sferoidali, molto pruinosi, di colore blu-nero con sfumature viola. La sua epoca di maturazione va da fine settembre o inizio ottobre. Il vitigno Gamba rossa dà un vino dal colore rosso granato mediamente carico. Al naso è intenso, speziato e balsamico, con note di pepe verde ed altre essenze orientali, fruttato con note prevalenti di confettura e di ciliegia sotto spirito. Al palato è asciutto, di corpo, giustamente tannico, spesso con un finale fortemente minerale, con il ritorno delle sensazioni speziate avvertite al naso.

vitigno gamba rossa
Gamba rossa

Informazioni generali sul vitigno

Il vitigno Gamba rossa è uno dei  Vitigni autoctoni a Bacca nera presenti principalmente nelle regioni Piemonte e registrato ufficialmente nel Catalogo nazionale varietà di vite dal 2007. La sua superficie coltivata a livello nazionale ammonta a 1 ha.
Colore baccaBacca nera
Categoria vitigniVitigni autoctoni
Regioni Italiane principaliPiemonte
Superfice vitata nazionale1 ha
SinonimiImperatrice dalla Gamba Rossa
Anno di registrazione2007
Gamba rossa

Ampelografia del vitigno

Ogni vitigno viene caratterizzato tramite dei descrittori ampelografici che definiscono l’aspetto dei suoi principali elementi. Le caratteristiche ampelografiche del vitigno Gamba rossa sono:
Caratteristiche della foglia

Il vitigno Gamba rossa ha Foglia media, Foglia pentagonale, Foglia eptalobata.

Caratteristiche del grappolo

Il vitigno Gamba rossa ha Grappolo compatto, Grappolo medio, Grappolo piramidale. Ali nel grapppolo: 1-2 ali.

Caratteristiche dell'acino

Il vitigno Gamba rossa ha acini , di forma Acini sferoidali, con buccia Buccia molto pruinosa, e di colore Buccia blu-nera.

Gamba rossa

Caratteristiche del vino

Il vino prodotto da ciascun vitigno, vinificato in purezza, possiede caratteristiche organolettiche ben precise. Le caratteristiche organolettiche dei vini prodotti con il vitigno Gamba rossa sono:

Il vino che si ottiene dal vitigno Gamba rossa è di colore . Al palato è Speziato, Fruttato, Balsamico, tannico.

Gamba rossa

Caratteristiche colturali e produttive

Ciascun vitigno possiede caratteristiche colturali e produttive ben precise, quali la produttività, la resa, l’epoca di maturazione, il tipo ideale di clima o di potatura, la sensibilità alle avversità o la maggiore o minore resistenza alle malattie e moltre altre. Per il vitigno Gamba rossa le caratteristiche principali sono:
Gamba rossa

Il vino e le Denominazioni di riferimento

Nel Database dei Vitigni di Quattrocalici sono raccolti i dati relativi a tutti i vitigni che risultano menzionati esplicitamente in almeno una denominazione di origine DOP o IGP italiana. Il vitigno Gamba rossa risulta essere menzionato nel disciplinare delle seguenti denominazioni:
DenominazioneTipo denominazioneRegione
Calosso DOCDOCPiemonte

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nella pagina di informativa estesa.